Grande attesa per i concerti di Cambio Festival in programma dal 26 al 29 luglio

Un cocktail esplosivo di immagini, emozioni e divertimento da vivere insieme con una piccola orchestra per pazzi e strumenti

Grande attesa per i concerti di Cambio Festival in programma dal 26 al 29 luglioGrande attesa per i concerti di Cambio Festival in programma dal 26 al 29 luglio

Grande attesa per i concerti di Cambio Festival in programma dal 26 al 29 luglio

ASSISI – Freme l’attesa per i concerti di Cambio Festival che si terrà dal 26 al 29 luglio nel Castello medievale di Palazzo di Assisi. Un focus sulle quattro serate dedicate alla musica di frontiera e qualità.

Mercoledì 26 luglio ore 21:45 CAMBIO OFF  Il Festival debutta con una serata dedicata alla musica italiana, Cambio Off: uno spazio alternativo in un contesto alternativo. Sul palco del Festival, per la prima volta si alterneranno tre gruppi originali del territorio umbro, distintisi per le loro produzioni e selezionati nell’ambito di un contest regionale dedicato: Grandi insegne – Il Grande allibratore Il loro repertorio unisce la tradizione cantautoriale nazionale all’anima alternativa della musica indipendente; Il Pinguino Imperatore  Un progetto artistico dove le influenze sono le più disparate, la definizione di Avanguardia Indie è quella che raccoglie meglio la loro prospettiva musicale; Palace Hotel Si esprimono in un sound Pop Rock ricercato con influenze melodiche italiane, caratterizzato da temi impegnati affrontati con leggerezza e pragmatismo.

Per chi ama la musica live, una ghiotta occasione per godere di una divertente serata all’insegna della musica originale italiana che, all’interno dell’incantevole Castello medievale di Palazzo di Assisi, trova il luogo ideale per esprimersi.

Giovedì 27 luglio ore 21:45 JUST FOR FUN  Nasce dall’unione di quattro musicisti professionisti che decidono di collaborare per intraprendere una nuova e interessante sfida musicale: riarmonizzare e riarrangiare hit dance e pop, stravolgendo completamente i brani, mantenendo la traccia vocale originaria. L’idea nasce sia dall’osservazione di ciò che è sempre stato fatto nel jazz, a partire da Charlie Parker – che rileggeva le canzoni dell’epoca mantenendo l’intelaiatura armonica, ma cambiando i temi – sia osservando ciò che fanno i moderni deejay, che remixano brani famosi mantenendo le tracce vocali o parti di esse.Massimo D’Ambra tastiere – Livio Lamonea chitarra – Carmine Landolfi batteria – Alessandro Anzalone basso.

Venerdì 28 luglio ore 21:45  IL PARCHEGGIO DELLE EMOZIONIZDLZitello  Di Bonaventura  La Manna

Inizia un suono e l’altro lo continua, e per suonare un Re due sono intenti a costruire la melodia mentre il terzo si diverte a tracciare un legame, o tondo o lungo o sbilenco, che arrivi fino al Si bemolle, a seconda di come gira l’umore. Ed eccola. La musica nasce tra i sospiri del mantice e la tenerezza delle corde, sempre diversa nella forma, irripetibile, mai vista e mai sentita prima, che desta in noi meraviglia e stupore ad ogni sua venuta. Non sono improvvisazioni su strutture, no: è musica che si crea da sola attraverso suoni che si intersecano in una spirale d’armonia.

Daniele Di Bonaventura bandoneon – Vincenzo Zitello arpe – Carlo La Manna corde basse.

Sabato 29 luglio ore 22:00 NOTE NELLA TEMPESTAMABÒ BAND E VALTER RADO

Palcoscenico: notte, silenzio in sala. Un’orchestra in fuga, comparsa da non si sa dove, si trova improvvisamente di fronte un pubblico in attesa di un concerto. Una situazione tipica dove persone sbagliate, nel momento sbagliato, sono costrette a fare la cosa giusta. Tra continui attentati alla sua autorità, il direttore d’orchestra cercherà di mettere in riga i suoi musicisti indisciplinati. Ma la musica gli scapperà più volte dalle mani e nasceranno giochi e situazioni che trasformeranno il concerto in un delirio comico.

Un cocktail esplosivo di immagini, emozioni e divertimento da vivere insieme con una piccola orchestra per pazzi e strumenti: tromboni, sassofoni, violini, coriandoli, palline, palloni, palloncini colorati.

Valter Rado attore, direttore d’orchestra – Renzo Stizza attore, sax – Amilcare Pompei attore, trombone – Fabrizio Palazzetti attore, sax

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*