Accompagnamento coattivo per straniero, mendicità molesta e aveva anche Daspo

 
Chiama o scrivi in redazione


Sputa in faccia alla ex moglie, la minaccia e la maltratta, allontanato
vice questore aggiunto, Francesca Di Luca

Accompagnamento coattivo per straniero, mendicità molesta e aveva anche Daspo

 Un cittadino macedone 44 enne con precedenti di polizia, che si aggirava per Assisi praticando elemosina in modo molesto e effettuando commercio ambulante senza autorizzazione, è stato accompagnato coattivamente presso il C.P.R.  Grazie all’operato degli uomini del Commissariato di Assisi con il fondamentale contributo della Polizia Municipale della cittadina francescana, l’uomo era già stato destinatario di numerosi ordini di allontanamento dal territorio di Assisi e di conseguenza sottoposto a daspo urbano dal Questore di Perugia, anche riguardante il divieto di accesso per la durata di 6 mesi presso l’Ospedale di Assisi.

© Protetto da Copyright DMCA

Per tali motivi il 44enne era stato anche sanzionato per diverse migliaia di euro. Nei giorni scorsi però gli agenti del Commissariato di Assisi nel corso di un servizio straordinario di prevenzione e controllo del territorio lo hanno sottoposto nuovamente a controllo presso la stazione ferroviaria di Santa Maria degli Angeli e, dopo aver provveduto agli accertamenti del caso, hanno contattato  l’Ufficio Immigrazione della Questura di Perugia per procedere ad un riesame della sua posizione sul territorio nazionale.

Grazie anche alla tempestiva firma del provvedimento di espulsione da parte del Prefetto di Perugia, il macedone è stato accompagnato, dopo poche ore dagli agenti, presso il C.P.R. per la sua successiva espulsione dal territorio nazionale, con accompagnamento al Paese di origine.

Proseguono, quindi,  le attività di contrasto all’immigrazione clandestina messe in atto dalla Polizia di Stato della Questura di Perugia con il coordinamento della Prefettura, oltre all’incisivo contributo del Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale.

Più di trenta nel complesso, nel solo mese di ottobre, i provvedimenti di espulsione firmati dal Prefetto di Perugia, in gran parte riguardanti cittadini stranieri autori di gravi reati.

Per dieci di loro, è stato disposto il rimpatrio con immediato accompagnamento coattivo alla frontiera; per altri quattro è stato disposto l’accompagnamento al C.P.R., mentre per i restanti venti è scattato l’Ordine di allontanamento dal territorio nazionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*