Albergo abusivo a Santa Maria degli Angeli, quattro denunciati FOTO E VIDEO

Albergo abusivo a Santa Maria degli Angeli, quattro denunciati

Albergo abusivo a Santa Maria degli Angeli, quattro denunciati Un albergo abusivo a Santa Maria degli Angeli è stato scoperto dalla Polizia di Stato. Un locale con una quindicina di stanze, progressivamente numerate, complete all’interno di arredi e servizi igienici. E poi ancora un sottotetto adibito a cucina con arredi ed elettrodomestici, forniti di acqua e gas metano.

I Poliziotti della Questura di Perugia e del Commissariato di Assisi

I Poliziotti della Questura di Perugia e del Commissariato di Assisi, supportati dagli Agenti del Reparto Prevenzione Crimine e della locale Polizia Municipale, nelle scorse settimane, a seguito di diverse segnalazioni, hanno effettuato una serie di controlli.  Da questi è emerso la presenza sul territorio di strutture ricettive abusive, come quella di Santa Maria degli Angeli.

LEGGI ANCHE: Carabinieri del Nas sequestrato un albergo nell’assisano

 

Dal sopralluogo effettuato è emerso che alcune delle stanze erano occupate da ospiti che versavano, senza alcun contratto, una quota mensile dai 200 ai 300 euro. Dagli accertamenti urbanistici e tributari è emerso che lo stabile era stato classificato come immobile destinato ad attività alberghiera, senza aver ottenuto la relativa autorizzazione all’esercizio.

Due romeni e due assisani, quest’ultimi proprietari dell’immobile, sono stati denunciati per esercizio abusivo di attività ricettiva. Per uno dei cittadini romeni è scattata inoltre la denuncia all’Autorità Giudiziaria anche per omessa comunicazione delle persone alloggiate all’Autorità di Polizia. E’ stata infine avviata la procedura per l’emissione del provvedimento del Sindaco di Assisi per il divieto di prosecuzione dell’attività condotta in difetto di autorizzazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Polizia di Stato ha scoperto un albergo abusivo a Santa Maria degli Angeli di Assisi, quattro denunce

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*