Alla marcia della dignità anche un prete, Don Lorenzo

 
Chiama o scrivi in redazione



Video di Luca Mellusi


Alla marcia della dignità anche un prete, Don Lorenzo

Anche don Lorenzo Lasagni, parroco di Santo Stefano Protomartire a Cervia, è intervenuto alla Rocca Maggiore di Assisi, a conclusione della Marcia della dignità, la manifestazione dei no-Green pass.


di Marcello Migliosi
e Morena Zingales


«Ho invitato la gente a riscoprire la propria umanità profonda e a impegnarsi nella vita per la verità e la libertà – ha detto don Lorenzo –.  Scendere in piazza significa metterci la faccia e anche il cuore. Riguardo alle vaccinazioni io mi limito al no Green pass, penso che ogni persona debba consapevolmente confrontarsi con il proprio medico di famiglia e poi fare una scelta consapevole. Il problema – ha detto ancora don Lorenzo – rientra nell’ambito di un livello europeo e mondiale di controllo del potere economico e politico, va ben oltre l’aspetto medico e scientifico».

La Marcia della dignità, da Santa Maria ad Assisi, tanti i partecipanti contro il green pass

La Marcia della dignità, organizzata dal Fronte del Dissenso, è partita da Santa Maria degli Angeli ed è arrivata fino alla Rocca Maggiore di Assisi. Davvero tante le persone aderenti. Cittadini, lavoratori, studenti, famiglie, intellettuali, attivisti politici e sindacali – oltre 1000 per gli organizzatori 600 per la questura – tutti a manifestare contro il regime della “dittatura sanitaria”.

Sono contro il green pass, l’obbligo vaccinale, le schedature e discriminazioni, sono contro il governo Draghi e la società tecnocratica. Sono per il diritto al lavoro e il reintegro di tutti i lavoratori sospesi, per il diritto alla libertà di scelta terapeutica, sono per la democrazia e la fratellanza, per la libertà e la sovranità popolare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*