Autista autobus aggredito, 58enne voleva salire a bordo ma era pieno

 
Chiama o scrivi in redazione


Autista autobus aggredito, 58enne voleva salire a bordo ma era pieno

Si sono conclusi con importanti risultati i controlli straordinari sul territorio voluti dal Questore della Provincia di Perugia nel territorio di Assisi e Bastia Umbra. Grazie alla sinergica collaborazione con le polizie locali, sono stati effettuati servizi di controllo del territorio a tappeto attenzionando le zone di maggior affluenza, siti sensibili, locali commerciali del territorio, aree verdi frequentate da giovanissimi. 20 i posti di controllo effettuati, 300 in tutto le persone controllate, 200 autovetture e 16 esercizi commerciali.


dalla Questura di Perugia


Nel corso dei servizi, sono state denunciate tre persone. Trovato presso un bar della zona industriale di Bastia Umbra un cittadino 31enne, di origine marocchina, con numerosi precedenti di polizia per reati contro la persona e il patrimonio, già segnalato alla locale Prefettura come assuntore abituale di sostanze stupefacenti e attinto anche dal provvedimento del Questore di Perugia dell’avviso orale.

L’uomo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per violazione del provvedimento del Foglio di Via dal Comune di Bastia Umbra emesso dal Questore di Perugia.

Inoltre, nei pressi di un parcheggio ad uso pubblico in pieno centro storico, è stato rintracciato un soggetto di nazionalità rumena, 58enne con numerosi precedenti penali, di fatto senza fissa dimora, in evidente condizione di alterazione dovuta all’assunzione di alcolici.

L’uomo, da controlli più approfonditi è risultato irregolare sul territorio nazionale, in quanto attinto da un provvedimento di divieto di rientro in Italia. Per tale motivo, l’uomo è stato deferito per la sua inosservanza.

Da ultimo, la Volante è intervenuta presso la stazione ferroviaria di Assisi in ausilio ad un conducente di un autobus aggredito da un uomo, 58enne, con numerosi precedenti di polizia, residente ad Umbertide.

A far scaturire l’aggressione anche fisica è stato il divieto opposto dal conducente all’uomo di salire sull’autobus che aveva già raggiunto la capienza massima consentita dalle attuali vigenti normative covid. L’uomo, contrariato dall’atteggiamento del conducente innescava una discussione sfociata poi in un’aggressione fisica a seguito della quale entrambi hanno riportato lesioni.

Al termine degli accertamenti condotti dagli agenti che hanno raccolto sul posto le testimonianze di altri avventori per ricostruire l’esatta dinamica degli eventi, hanno proceduto alla denuncia in stato di libertà del 58enne per interruzione di pubblico servizio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*