Dipendente infedele concessionaria di auto, intascava gli anticipi, scoperto dai Carabinieri

 
Chiama o scrivi in redazione


Dipendente infedele concessionaria di auto, intascava gli anticipi, scoperto dai Carabinieri

Dipendente infedele concessionaria di auto, intascava gli anticipi, scoperto dai Carabinieri

Collaboratore infedele di una concessionaria di auto della città serafica scoperto dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Assisi. Intascava i soldi versati dai clienti quale anticipo per la compravendita di autovetture,in assegni ed in contanti. L’uomo ha architettato un’abile falsificazione che, per diverso tempo, gli ha permesso di accumulare il denaro sottratto, circa 10.000 euro.

  • Erano alcuni anni, ormai, che lavorava nella concessionaria della città serafica. Adesso dovrà restituire tutti i soldi presi.

Il dipendente “infedele”, era stato sempre ritenuto dai titolari una persona fidata, legato da un rapporto di collaborazione che continuava oramai da almeno due anni. Si tratta di un 47enne di Perugia che, nel giro di pochi mesi si è intascato quasi 10mila euro. Soldi degli acconti lasciati dai vari clienti all’atto della stipula del contratto di acquisto, ma mai versati alla concessionaria perché l’uomo restituiva al relativo ufficio di amministrazione contratti falsificati in cui non era riportata la somma di acconto che il cliente aveva lasciato all’atto della stipula del contratto.

Il raggiro è stato svelato alla fine dello scorso anno quando un cliente della concessionaria  ha ricevuto dall’ACI una comunicazione di mancato pagamento del bollo dell’auto data in permuta per l’acquisto di una nuova autovettura, pertanto l’acquirente si è rivolto ai Carabinieri della Compagnia di Assisi,dopo aver inutilmente tentato di trovare una soluzione con il venditore.

Immediatamente sono scattate le indagini da parte dei militari e le verifiche incrociate presso la concessionaria che hanno permesso di accertare come il venditore modificasse sistematicamente i vari contratti di vendita dei veicoli, mentre la concessionaria è risultata completamente ignara di quanto stava accadendo.

Per non insospettire il datore di lavoro, il dipendente non tratteneva l’intera somma ricevuta in acconto, ma ne consegnava una piccola parte all’azienda. Risultavano quindi degli acconti ricevuti dai clienti,che invece non corrispondevano alla reali sommeversate.

  • Dopo aver scoperto la sua truffa, l’agente è stato immediatamente licenziato e denunciato per falso e appropriazione indebita aggravata.

L’uomo tra l’altro non è nuovo ad episodi simili. Circa due anni fa fu denunciato ed immediatamente licenziato, sempre per appropriazione indebita aggravata, dal titolare di una nota concessionaria di Perugia.

In quell’occasione fu accertato che l’uomo, con il medesimo modus operandi si era appropriato, nel giro di pochi mesi, di circa 8.000 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*