Finanza di Assisi, Luogotenente Stefano Ricci premiato dal presidente Mattarella

Finanza di Assisi, Luogotenente Stefano Ricci premiato dal presidente Mattarella

Finanza di Assisi, Luogotenente Stefano Ricci premiato dal presidente Mattarella. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione del 244° anniversario di fondazione della Guardia di Finanza, ha ricevuto nei giorni scorsi al Quirinale il Generale C.A. Giorgio Toschi, Comandante Generale della Guardia di Finanza, unitamente ad una rappresentanza di militari, composta da Ufficiali, Ispettori, Sovrintendenti, Appuntati e Finanzieri provenienti da diversi Reparti del Corpo, che si sono particolarmente distinti nell’attività di servizio nell’ultimo anno.

Tra essi, era presente anche il Comandante della Tenenza della Guardia di Finanza di Assisi, Luogotenente Stefano Ricci, che ha ricevuto nella circostanza una ricompensa morale per i brillanti risultati di servizio ottenuti dal proprio reparto nel periodo giugno 2017- giugno 2018, contribuendo a garantire la tutela della legalità nel territorio di competenza.

LEGGI ANCHE: Finanzieri Assisi scoprono sette lavoratori in nero in una pizzeria del territorio

Il Capo dello Stato, nel corso dell’incontro, ha rivolto il pensiero anche ai finanzieri che hanno perso la vita mentre svolgevano l’attività lavorativa. Tale ricorrenza si inquadra nell’ambito delle celebrazioni per il 244° anniversario di fondazione della Guardia di finanza che si celebra ogni anno il 21 giugno.

Come noto, le origini della Guardia di Finanza risalgono alla costituzione della “Legione Truppe Leggere” avvenuta il 1° ottobre 1774 per il volere del Re di Sardegna Vittorio Amedeo III. È il primo esempio in Italia di un corpo speciale istituito ed ordinato appositamente per il servizio di vigilanza finanziaria sui confini, oltre che per la difesa militare delle frontiere. Nel 1881 il Corpo assunse il nome di “Guardia di finanza” e fu dichiarato parte integrante delle forze militari di guerra dello Stato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*