In carcere gli ultimi due ricercati della banda dei furti

 
Chiama o scrivi in redazione


In carcere gli ultimi due ricercati della banda dei furti

E’ finita nella serata di ieri la fuga dell’ultimo dei due uomini appartenenti alla banda criminale, a gestione familiare, coinvolta nell’indagine che ha portato lunedì mattina gli agenti del Commissariato di  Assisi a disarticolare definitivamente un’associazione a delinquere dedita alla perpetrazione di numerosi furti in abitazione.


di Marcello Migliosi
Fonte Polizia di Stato


Dove si trovavano i due soggetti

Giovedì notte veniva scovato presso una delle loro basi logistiche dove si era nascosto, un uomo, classe 85, pluripregiudicato e infine nella serata di ieri, grazie alla preziosa sinergia con i militari dell’Arma dei Carabinieri di Assisi, veniva tratto in arresto anche l’ultimo dei ricercati della banda, un uomo, classe 65, anch’egli pluripregiudicato.

Banditi molto pericolosi, dice la Polizia di Stato

Si tratta di due soggetti, come riferisce un dispaccio della Questura, dal profilo criminale di elevato spessore che per l’abitualità maturata nell’attività delittuosa e nell’adozione di un vero e proprio stile di vita criminoso, assurgono a figure di spicco dell’associazione criminale. Entrambi esecutori materiali dei delitti contestati, partecipavano ai sopralluoghi dei furti e con efferatezza li portavano a compimento. Quello dell’85 prendeva parte alle attività del gruppo nonostante fosse in regime di restrizione della propria libertà personale, in quanto detenuto presso il Carcere di Spoleto in regime di semilibertà. Di giorno partecipava al programma criminoso e di notte rientrava in carcere.

Lunedì mattina nel corso delle perquisizioni presso le abitazioni dei sodali della banda, gli agenti del Commissariato di Assisi rivenivano oltre ad una perfetta riproduzione di una pistola della tipologia soft air, delle banconote false, numerosi monili in oro,  un  vasto assortimento di profumi ancora dentro le scatole perfettamente integri e delle borse griffate verosimilmente contraffatte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*