Polizia di Assisi ritrova computer rubati a scuola e li ridà agli studenti

 
Chiama o scrivi in redazione


Polizia di Assisi ritrova computer rubati a scuola e li ridà agli studenti

Polizia di Assisi ritrova computer rubati a scuola e li ridà agli studenti

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato di Assisi, all’esito di un’articolata attività d’indagine avviata a seguito della denuncia di furto sporta da un dirigente scolastico, hanno eseguito una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di due soggetti, conviventi, già noti alle Forze dell’Ordine a causa di precedenti di polizia specifici: una cittadina italiana, 35enne e un cittadino di origine tunisine 38enne, entrambi residenti ad Assisi e successivamente deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di ricettazione.

© Protetto da Copyright DMCA

Nel corso del controllo venivano rinvenuti una serie di prodotti elettronici ancora perfettamente inscatolati, fra cui due tablet, computer portatili, un monitor televisivo e un paio di microscopi digitali, della cui provenienza non riuscivano a darne giustificazione.

Gli agenti di polizia attraverso degli accertamenti informatici riuscivano a risalire ai legittimi proprietari del materiale sottratto.

La quasi totalità dei beni faceva parte, infatti, del bottino di un furto perpetrato il 4 ottobre scorso presso la Scuola Media di Umbertide dove ignoti si erano introdotti, forzando la stanza blindata ove era custodito il materiale tecnologico derubato. I costosi apparati furono assegnati alla scuola come premio in quanto classificata fa le prime vincitrici di un concorso nazionale denominato PNSD-Piano Nazionale Scuola Digitale del Miur.

Grande è stata così la gioia del Direttore del plesso scolastico e degli insegnanti e studenti quando si sono visti arrivare i poliziotti per riconsegnare i preziosi strumenti di studio.

Un altro computer portatile è stato invece riconsegnato all’Istituto Comprensivo Perugia V che ne aveva subito il furto ad opera di ignoti nel mese di settembre scorso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*