Prostituzione in appartamento a Santa Maria degli Angeli, beccato lo sfruttatore

Prostituzione in appartamento a Santa Maria, beccato lo sfruttatore
Prostituzione

Prostituzione in appartamento a Santa Maria degli Angeli, beccato lo sfruttatore

Un via vai di persone sconosciute che entravano e uscivano da due appartamenti in via Gabriele d’Annunzio a Santa Maria degli Angeli. Gli inquilini dello stesso avevano segnalato movimenti anomali. A partire da questa segnalazione sono cominciate le indagini degli agenti del commissariato di Assisi che hanno scoperto due appartamenti, dove all’interno si prostituivano due donne straniere che si alternavano nell’attività di meretricio.

Servizi di appostamento e ricerche sui siti web specializzati hanno fatto risalire all’organizzazione gestita da un italiano 57enne, già conosciuto alle forze di Polizia. L’uomo forniva in diversi modi anche un’attività di assistenza alle ragazze.

Dalle indagini è emerso, anche con la testimonianza di alcuni clienti, che all’interno dei locali venivano fornite vere e proprie prestazioni sessuali dietro pagamento. Sulla base degli elementi raccolti, il P.M. titolare dell’inchiesta ha emesso dei decreti di perquisizione domiciliare, che sono stati eseguiti nei giorni scorsi con la collaborazione degli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Marche–Umbria.

Gli agenti, con la collaborazione dei vigili del fuoco, pare siano entrati in uno degli appartamenti da una finestra utilizzando un’autoscala dei caschi rossi. Il primo dei due seppur non abitato è stato trovato perfettamente allestito per l’attività di prostituzione. Dentro lo stabile sarebbero stati trovati profilattici, alcuni anche usati, abbigliamenti intimi, oggetti per giochi sessuali, scarpe, cellulari e soldi (oltre 200 dollari e 500 euro). Nel secondo gli agenti hanno trovato le due ragazze di origini sudamericane. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato. Il 57enne è stato denunciato per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

 

Eventi in Umbria

2 Commenti

  1. A quando una legge che regoli detta attività come negli altri paesi civili? (Austria, Germania, Olanda, Svizzera, Norvegia, Svezia, Regno Unito, ecc. ecc. ecc,) dove ci sono controlli sanitari e contribuenti fiscali? Li pagano le tasse, qui dobbiamo pagare noi cittadini per la repressione con tutto quello che ne consegue.

  2. Ma veramente si credono che la gente è completamente stupida???? È sufficiente aprire uno qualsiasi dei siti di incontri per avere centinaia, migliaia di annunci e procedere alla chiusura. Vedi i centri di massaggi cinesi… La prostituzione così come è va bene alle istituzioni…manca la volontà di chiuderli… Mi viene da pensare…
    Auguri

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*