Rafforzati i controlli ad Assisi, nei luoghi a rischio assembramenti

 
Chiama o scrivi in redazione


Rafforzati i controlli ad Assisi, nei luoghi a rischio assembramenti

Rafforzati i controlli ad Assisi, nei luoghi a rischio assembramenti

Il sindaco di Assisi Stefania Proietti ha dato, in accordo con la Prefettura di Perugia, immediata disposizione affinché siano intensificati i servizi di vigilanza e controllo sul territorio a cura delle forze dell’ordine e della polizia locale nei luoghi a rischio di assembramenti, quindi nelle aree davanti ai locali dove si svolge la movida, nei centri commerciali, nei parchi pubblici e alle fermate del trasporto pubblico locale.

Nello stesso tempo il sindaco ha dato incarico alla polizia locale di controllare con intensità e continuità se i cittadini indossano la mascherina e mantengono la distanza di sicurezza. Si ricorda che i trasgressori saranno puniti con sanzioni che vanno da 400 a 1000 euro.

“La situazione è delicata – ha detto il sindaco – proprio questa mattina in Prefettura abbiamo fatto il punto sull’andamento dei contagi e tutti abbiamo concordato su un impegno maggiore nel far rispettare le regole per il contenimento del rischio epidemiologico derivante da Covid-19.

Per questo motivo, visto anche che nel nostro territorio i casi positivi stanno aumentando in modo preoccupante, abbiamo rafforzato i controlli e i sopralluoghi nei posti dove di solito si verificano gli assembramenti. La presenza della polizia locale nel territorio con funzioni di controllo, oltre alle forze di polizia e dell’ordine, avrà anche uno scopo ‘pedagogico’ come ha detto il prefetto Gradone nella riunione di oggi.”.

“In conclusione – ha affermato il sindaco – voglio rivolgere un forte appello a tutti i cittadini: indossate sempre e dappertutto la mascherina e osservate il distanziamento interpersonale, stiamo attraversando un momento delicatissimo per il crescente numero di contagi e solo con l’impegno personale di ciascuno possiamo riuscire, insieme, a tagliare le gambe al virus”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*