San Francesco, misure straordinarie messe in campo dalla Questura

 
Chiama o scrivi in redazione


San Francesco, misure straordinarie messe in campo dalla Questura

Nei giorni 3 e 4 ottobre, in previsione dell’afflusso di numerosi pellegrini per le Celebrazioni Nazionali di San Francesco d’Assisi Patrono d’Italia, la Questura di Perugia ha posto in essere misure straordinarie di ordine pubblico e controllo del territorio presso i luoghi di culto di Santa Maria degli Angeli e Assisi, in ottemperanza alle normative atte al contrasto della diffusione pandemica da Covid-19.

Come sottolineato dal Questore, dottor Antonio Sbordone, il carattere nazionale dell’evento, in concomitanza con le iniziative elettorali nonché il difficile momento politico e sociale internazionale richiede una particolare attenzione da parte delle Istituzioni preposte a garantire la sicurezza e l’incolumità dei fedeli. Tutti i comparti delle varie specialità delle Forze dell’Ordine garantiranno un monitoraggio costante, a partire dai giorni antecedenti l’evento fino alle fasi del deflusso dei partecipanti e conclusione delle cerimonie.

Al fine di assicurare il regolare svolgimento delle funzioni, nonché elevati standard di sicurezza pubblica, in particolar modo per tutti quei fenomeni di matrice terroristica, sono state effettuate riunioni operative con conseguente pianificazione dei servizi che vedranno l’impiego di circa 200 uomini e donne ed in particolare con l’ausilio di unità cinofile, dei team artificieri, delle squadre U.O.P.I. – Unità Operative di Primo Intervento della Polizia di Stato e delle Squadre Operative di Supporto (S.O.S.), specializzate negli interventi ad alto rischio, prevenendo, contenendo o contrastando atti di terrorismo o di grave turbativa dell’ordine e delle sicurezza pubblica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*