Telecamere in quattro frazioni, Stoppini, tutela sicurezza nell’Assisiate

approvato un progetto unitario di implementazione di videosorveglianza urbana

Telecamere in quattro frazioni, Stoppini, tutela sicurezza nell’Assisiate

Telecamere in quattro frazioni, Stoppini, tutela sicurezza nell’Assisiate

La giunta comunale ha deciso di rafforzare il sistema di videosorveglianza in tutto il territorio comunale perché da sempre convinta di spendere risorse ed energie finalizzate all’affermazione e al rispetto della legalità e della sicurezza dei cittadini.

Nell’ultima seduta l’esecutivo guidato dal sindaco Stefania Proietti ha approvato un progetto unitario di implementazione di videosorveglianza urbana in base alle esigenze rappresentate.

Assisi, al via la nuova regolamentazione del traffico in centro
vice sindaco Valter Stoppini

Le nuove installazioni delle telecamere sono previste a Santa Maria degli Angeli (giardini pubblici, piazza Almirante, via Patrono d’Italia, via Di Vittorio), Rivotorto (giardini pubblici, piazza Antichi Sapori), Palazzo (giardini pubblici presso il Cva, piazza centrale e chiesa)  e Tordibetto (centro).

Con la stessa delibera, anche per motivazioni tecniche, la giunta ha deciso di dare priorità all’installazione a Santa Maria degli Angeli e Palazzo, vicino al Cva, all’incrocio tra piazza Figli di cambio e via Michelangelo.

Appena saranno installate queste telecamere l’intero sistema di videosorveglianza del territorio comunale potrà contare su 99 dispositivi dislocati nei punti più critici e delicati della città.

Il costo complessivo dei lavori inseriti nel progetto è di 54.900 euro.

Questa amministrazione – ha detto il vice sindaco Valter Stoppini ha sempre messo al primo punto la sicurezza delle persone e del patrimonio cittadino e lo continua a fare anche con quest’ultimo provvedimento di giunta.  Il controllo del territorio attraverso le telecamere ha un fine anche di prevenzione perché scoraggia la microcriminalità e quindi tutela la tranquillità delle comunità e inoltre garantisce una migliore vivibilità delle nostre strade, delle nostre piazze e dei nostri vicoli”.

 

1 Commento

  1. Caro vice sindaco Stoppini la famosa sicurezza dei cittadini di cui parlate e con la quale vi siete riempiti la bocca da quando siete stati eletti non avviene solo tramite l’installazione di telecamere in punti secondo voi strategici ( ben vengano) ma anche e soprattutto con interventi mirati a mettere in sicurezza tratti di strade attualmente dimenticate. Avete asfaltato di tutto. Avete portato la pubblica illuminazione in posti scarsamente abitati ma c’è un tratto di via Assisana, dove abito ormai da anni, che è stata realmente abbandonata da tutti, provincia che è l’ente proprietario della strada e Comune di Assisi che non è mai intervenuto per mettere in sicurezza questo tratto di strada. Asfalto che è ormai un vecchio ricordo. Segnaletica orizzontale inesistente. Pubblica illuminazione che da queste parti non sanno neanche di cosa si tratti. Nessuno pulisce più le erbacce lungo la strada se non noi residenti. Senza parlare della folle velocità con cui auto e moto passano su questo pezzo di strada che sembra una pista automobilistica, con l’incrocio pazzesco di 3 vie ( assisana, via San Savino e strada di mezzo che porta all’ospedale di assisi) dove prima o poi, viste le alte velocità e l’assenza di segnaletica, uscirà qualcosa di grave. Ed allora forse solo dopo che qualcuno ci avrà rimesso di persona prenderete in esame di intervenire anche in questo tratto di strada dove risiedono cittadini del comune di Assisi ma che sono di serie “B” confronto ad altri. Ricordo che detti problemi sono stati segnalati più volte anche con sottoscrizioni da parte dei residenti ma nessuna risposta è mai pervenuta da parte vostra. Buona giornata e buon lavoro.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*