Tossicodipendente picchia moglie e le fa vedere un proiettile, tutto davanti alla figlia

Oltre che drogato l'uomo è anche ludopatico

 
Chiama o scrivi in redazione


Tossico picchia moglie e le fa vedere un proiettile, il tutto davanti alla figlia

Tossico picchia moglie e le fa vedere un proiettile, il tutto davanti alla figlia

Un italiano del ’72 è stato arrestato dalla Polizia di Stato di Assisi, al seguito del commissario Francesca Domenica Di Luca, per il reato di possesso ingiustificato di arma clandestina, maltrattamenti in famiglia, minacce e ricettazione. L’uomo è stato associato al carcere di Perugia Capanne.  Una furiosa lite è stato il motivo che ha fatto arrivare a casa di due coniugi gli agenti della polizia. Ed è proprio a loro che la donna, terrorizzata, ha chiesto aiuto.

Lui, tossicodipendente e con problemi di ludopatia, l’ha più volte picchiata fino a minacciarla di morte facendole vedere in proiettile. A questo lui è arrivato per il continuo bisogno di denaro per comprarsi la droga e potersi pagare il vizio del gioco. Della serie o mi dai i solti o ti ammazzo, questa la sintesi, nel caso la poveretta avesse rifiutato di dargli il denaro.

Per altro, a seguito di controlli, gli agenti della Di Luca hanno trovato sono riusciti a trovare la rivoltella, ben nascosta nel portabagagli dell’auto. Una pistola scacciacani modificata e perfettamente funzionate insieme ad alcuni proiettili.

L’uomo è stato, come detto, arrestato per i reati di possesso ingiustificato di arma clandestina, maltrattamenti in famiglia, minacce e ricettazione e, su disposizione dell’A.G., è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Perugia Capanne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*