Violenta figlia di 12 anni, il padre resta in carcere a Capanne

Violenta figlia di 12 anni, il padre resta in carcere a Capanne

Violenta figlia di 12 anni, il padre resta in carcere a Capanne. Fu arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di aver violentato la figlia di dodici anni. L’uomo, un cinquantenne di Assisi difeso dall’avvocato Massimiliano Manna e dopo il no alla scarcerazione del gip, ha fatto appello al tribunale del Riesame, chiedendo la revoca o la sostituzione dell’arresto. Lo scrive oggi la Nazione Umbria.

LEGGI ANCHE: Padre nega ogni accusa, mai toccata

I carabinieri di Assisi, guidati dal maggiore Marco Vetrulli, contro di lui avevano raccolto una serie di gravissimi indizi. Tra questi c’era anche confessione della figlia, video registrata dalla madre con un telefonino quando aveva raccontato che il padre si era giustificato, dicendole ‘Così imparerai a difenderti’.

LEGGI ANCHE: Violentata dal papà all’età di 12 anni, arrestato cinquantenne di Assisi

Ma c’è anche la confidenza della bambina fatta a un’amica e l’audizione protetta con una psicoterapeuta infantile. A questi si aggiungono alcune ecchimosi ritenute compatibili con la violenza sessuale descritta dalla 12enne

 

 

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*