Ad Assisi, la presentazione del libro su Carlo Acutis

 
Chiama o scrivi in redazione


Carlo Acutis è venerabile, lo ha autorizzato Papa Francesco

Ad Assisi, la presentazione del libro su Carlo Acutis

© Protetto da Copyright DMCA

Verrà presentato domani 24 marzo alle 16.30 nella Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi il libro, edito da Edizioni Francescane Italiane, di Mons. Domenico Sorrentino “Originali, non fotocopie – Carlo Acutis e Francesco di Assisi”. Ne parleranno con l’autore il direttore della Sala Stampa, padre Enzo Fortunato, il segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana, Mons. Stefano Russo, e il caporedattore del Tg1, Piero Damosso. L’evento aprirà il programma di cerimonie per la traslazione del corpo di Carlo Acutis previste dal 5 al 7 aprile.

“Il libro del Vescovo Sorrentino – ha dichiarato padre Enzo Fortunato – è una bella fotografia della santità francescana messa in relazione con quella contemporanea. Carlo Acutis è un giovane dei nostri tempi, ma con una marcia in più. E questa marcia è Dio. Un ragazzo amante della tecnologia e in particolare dell’informatica che nell’arco della sua giornata non mancava di ringraziare Dio anche partecipando quotidianamente alla santa messa. Nel libro – aggiunge padre Enzo – viene messa in relazione la scelta coraggiosa compiuta 800 anni fa dal giovane Francesco con quella di Carlo Acutis in un tempo in cui la fede spesso fa fatica a far parte della vita dei giovani per il venerabile è invece diventata il punto di riferimento della sua breve, ma bellissima esistenza”.

Parteciperanno alla presentazione del libro, il Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, Vatican Media e Officina della Comunicazione. Nell’occasione verrà mostrato un breve estratto del documentario ‘Segni’, prodotto sotto l’egida del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede da Officina della Comunicazione e Vatican Media: un racconto ispirato dall’esperienza di Carlo Acutis, morto nel 2006 a soli 15 anni per una leucemia fulminante, che viveva uno speciale rapporto quotidiano con l’Eucarestia e che aveva progettato una mostra sui miracoli Eucaristici a partire dai casi avvenuti in Polonia, Argentina e Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*