Assisi, a Pasqua la metà turistica principale italiana

ASSISI – Nel 2013, cita il Sindaco Claudio Ricci, il turismo (presenze complessive) ha fatto registrare un +6% (malgrado la complessa situazione socio economica internazionale) e segnali positivi avvivano anche per il 2014; il principale motore Internet di ricerca hotel del mondo (trivago.it) pone Assisi come “meta privilegiata del turismo” (addirittura prima di Venezia e Firenze) con il massimo livello di “occupazione” delle strutture nel periodo Pasquale.

Un risultato importante e incoraggiante che discende dalla promozione attivata, dai restauri realizzati, le nuove infrastrutture e gli spazi per eventi e servizi, unitamente alla promozione culturale verificatasi con Papa Francesco. Certamente la non applicazione della tassa di soggiorno e la libera fruizione di Basiliche e Chiese (veri e propri musei con oltre 20.000 mq di affreschi pittorici), unitamente ad un buon sistema di accoglienza, ha determinato il positivo risultato.

Occorre continuare su questa strada, anche di collaborazione con tutte le categorie legate al turismo e le istituzioni francescane e diocesane, per dare all’accoglienza qualità (attivando il passa parola anche attraverso i Social Network) e, soprattutto, un valore etico culturale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*