Assisi, Piccolo Teatro degli Instabili, “Pitecus”

(assisioggi.it) ASSISI – Il 19 marzo alle ore 21:30, al Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi va in scena lo spettacolo “Pitecus”.

Gidio è chiuso in casa; Fiorenzo, uomo limbo, sta male fisicamente; il professor Stella, videodittatore dipendente, mostra a migliaia di telespettatori alcuni malati terminali; un padre logorroico non si capacita dell’omosessualità del figlio; Saverio, disinvolto ed emancipato, prende la vita così come viene, cosciente del suo fascino fuggevole; Mirella prega intensamente le divinità per essere assunta alle poste; Roscio, di nome e di fatto, frequenta una nuova compagnia di amici che lo sbeffeggiano a tracotanza.

Questi sono solo alcuni dei personaggi messi in scena da Antonio Rezza. Essi parlano un dialetto frastagliato e tronco, si muovono nervosetti, fanno capolino dalle fessure e dai buchi dei vasi di stoffa variopinti, i menti e le capoccette pensanti spuntano e si alternano dalle reti, dalle sete e dalla juta dando il senso di quartieri popolari affollati, dove il gioco e la fantasia alzano il vessillo dell’incomprensione media.

Il quadro di scena è la scenografia mista al costume, ogni storia ha il suo habitat, ogni personaggio un corpetto diverso e mortificato. “Pitecus” racconta tante storie di gente che vive in un microcosmo disordinato: è uno spettacolo che analizza il rapporto tra l’uomo e le sue perversioni: laureati, sfaticati, giovani e disperati alla ricerca di un’occasione che ne accresca le tasche e la fama; pluridecorati alla moralità che speculano sulle disgrazie altrui, vecchi in cerca di un’identità che li aiuti ad ammazzare il tempo prima che il tempo ammazzi loro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*