Capodacqua di Assisi, “Natale fra i profughi”

 
Chiama o scrivi in redazione


(assisioggi.it) ASSISI CAPODACQUA – Dal 24 dicembre al 6 gennaio 2014 presso la Piazza S.Maria della Speranza Capodacqua di Assisi in Via Romana è liberamente visitabile il Presepe “Natale fra i profughi”. Perché un presepe fra i profughi? E’ il sesto anno che la Pro Loco di Capodacqua “Francesco Dattini”, in collaborazione con la Parrocchia S. Apollinare, realizza un Presepe al di fuori dei modelli usuali, diverso dalla tradizionale rappresentazione della Natività di Gesù. nel 2008: Gesù nasceva tra gli incidenti per le strade nel 2009:

© Protetto da Copyright DMCA

Gesù nasceva tra gli incidenti agricoli nel 2010: Gesù nasceva tra gli incidenti nei cantieri edili nel 2011: Gesù nasceva tra i drogati nel 2012: Gesù nasceva tra i carcerati Quest’anno viene alla luce fra i profughi. I profughi sono i poveracci, i senza difesa, i “non garantiti”. Sono i disperati, provenienti dal vicino Oriente e dall’Africa, che fuggono da paesi lacerati da conflitti sociali e afflitti dalla fame, da malattie e da guerre. Si affidano a loschi personaggi che li caricano su carrette del mare per raggiungere le spiagge del Sud Italia, come Lampedusa, Crotone ecc. Molti di questi disperati muoiono di fame o di sete nel deserto africano, altri vengono eliminati, gettati in mare da loschi traghettatori. Il Mare Nostrum, Mar Mediterraneo è diventato un cimitero.

Il Papa Francesco si è recato, come in pellegrinaggio, a Lampedusa, “cuore sofferente del Mediterraneo” «purtroppo per molti, troppi, una tomba» e, come gesto di pietà, per i poveri profughi annegati, ha gettato in mare un corona di fiori. Ha esortato a unire le forze per evitare che si ripetano simili tragedie: “Solo una decisa collaborazione di tutti può aiutare a prevenirle”. Ha invitato tutti a “pregare insieme Dio per chi ha perso la vita: uomini, donne, bambini, per i loro familiari, per tutti i profughi”. Si calcola che finora oltre un milione di profughi sono fuggiti dalle loro terre ed hanno tentato di raggiungere l’Europa, alla ricerca di sicurezza, lavoro e tranquillità.

A tutti questi nostri fratelli disperati il Bambinello Gesù porta amore e speranza. Gesù stesso si riconosce nel profugo: “ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, profugo e mi avete accettato” . Per ulteriori informazioni, si possono contattare i numeri 393. 30.59.612; 339. 61.00.731; 338. 92.34.219.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*