Lo Cascio “Uno, nessuno e centomila” al Piccolo teatro degli Instabili

ASSISI – Il 14 Novembre alle ore 21:30, Luigi Lo Cascio apre la Stagione Teatrale 2014/15 del Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi, con l’attesissimo recital “Uno, nessuno e centomila” di Luigi Pirandello. Un evento speciale e un’occasione unica per gli spettatori umbri che nella splendida cornice di questo spazio intimo e raccolto, potranno assistere ad una prova d’attore davvero intensa. Lo Cascio, uno degli attori italiani di maggior talento e personalità parla così dell’ultimo romanzo di Pirandello: “Uno, nessuno e centomila” è un’opera di lunga elaborazione, di assidua stesura, che accompagna, o per meglio dire informa di sé, il resto della produzione pirandelliana. Un testo-laboratorio quindi, una officina, un deposito segreto, in cui tutte le ragioni della sua poetica si raccolgono e raffinano in forma di racconto di una voce.

È forse più congeniale, a un testo come questo, la semplice pronuncia che s’articola in lettura piuttosto che una vera e propria messa in scena. Sembra infatti assai complesso, se non contraddittorio, poter dare spettacolo – e quindi consistenza scenica fissata in un’interpretazione perlomeno definita – di quanto invece scorre e sciama in forma di flusso che pur procedendo con intenzione ed impeto, lo stesso non conclude.
Non uno spettacolo dunque, ma lettura di una voce. Voce che sta al di qua del personaggio – entro i confini di un principio ancora informe e non del tutto strutturato nelle pose più scolpite del gioco delle parti del teatro – ma anche, seppure involontariamente (per accadimenti e occasioni cui potrebbe trascinare la corrente impersonale della lettura che improvvisa), al di là di esso, nelle vicinanze di quel luogo più segreto e ulteriore presso cui dimorano i resti, le sopravvivenze, le più crude manifestazioni e sostanze dell’essenza di quello stesso personaggio.
S’intenda allora la pagina come effettivo palcoscenico su cui giochi la voce che insegue appassionata la scrittura.”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*