Claudio Ricci non è iscritto a nessun partito…rappresenterà solo Liste Civiche

 
Chiama o scrivi in redazione


Claudio Ricci, a oggi, “non è iscritto a nessun partito” (e lo rimarrà): per questo “chi gli mette una targa” (a livello locale, questa mattina dai vertici di Forza Italia, o nazionale, ieri nei quotidiani) forse continua nel vano tentativo di “fermare il cambiamento” in Umbria. Consigliamo di “stare sereni” in quanto l’innovazione di tre liste civiche “pure”, con programmi e candidati nuovi che incarneranno il “vero progetto alternativo dell’Umbria”, sta ottenendo un così ampio consenso che, insieme ai valori di chiarezza, legalità e attenzione, a persone e imprese, espresso dalla “Lega Nord Noi per Salvini”, può vincere le elezioni regionali. Noi siamo “persone libere” e, per questo, senza paura continueremo a parlare, alle gente normale e di buon senso, di ASL unica (con sedi a Perugia e Terni) con un unico “centro di acquisti” per risparmiare (come tutti intuiscono), diminuire le “poltrone d’oro” e le tasse; nonché continueremo a sostenere la necessità di riqualificate la strada E45 ma evitando ogni forma di pedaggio a pagamento (difendendo cittadini, attività e imprese). Vorremmo precisare, a coloro che utilizzano marchi o dizioni, che Per l’Umbria Popolare, Cambiare in Umbria e Ricci Presidente sono tre “marchi registrati” dall’Associazione Per l’Italia Popolare costituita, dal novembre 2013, dai fondatori Claudio Ricci, Annibale Vescovi, Rino Freddii, Franco Brunozzi, Patrizia Buini, Luca Pastorelli, Salvatore Civiletti e Elisa Civiletti. Ovviamente stiamo “mettendo a disposizione di tutti”, dal 23 novembre 2013, questo “progetto politico di cambiamento” (aperti ad ogni contributo in quanto “da soli non si raggiunge alcun obiettivo”) disponibili a dialogare con ognuno per “trovare raccordi possibili nel programma” all’interno di una coalizione che, però, “deve mantenere fermo il baricentro delle liste civiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*