Coronavirus, l’ospedale di Assisi si trasforma, accoglierà pazienti non covid

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, l'ospedale di Assisi si trasforma, accoglierà pazienti non covid

Coronavirus, l’ospedale di Assisi si trasforma, accoglierà pazienti non covid

L’ospedale di Assisi si trasforma per far fronte alle richieste della popolazione. Ne dà comunicazione il dottor Manuel Monti, responsabile di medicina generale a ciclo breve che in una intervista tramite Skype con il direttore Marcello Migliosi dichiara che l’ospedale di Assisi sta vivendo una nuova rinascita.

“Lo stiamo riconvertendo in accordo con la dottoressa Tedesco, la nostra direttrice sanitaria dell’Asl – ha detto. Tutto l’ospedale in questo momento è diventato reparto di medicina. Abbiamo 40 posti letto. Stiamo raccogliendo tutti i pazienti non Covid di Perugia e di Pantalla. Lo scopo è quello di garantire l’assistenza a queste persone non affetti da coronavirus, ma che devono comunque essere assistiti per insufficienza respiratoria, renale o diabete. Abbiamo fatto un percorso grigio per i pazienti con sospetto covid che giungono in ospedale e che devono fare il tampone. In attesa della risposta vengono messi, all’interno di una delle due sale operatorie, da due o 4 posti, dove all’interno c’è un sistema aerazione a norma e a pressione negativa. Vengono gestiti utilizzando una sala semi intensiva e poi da lì, viene deciso a secondo del risultato del tampone se trasferirlo negli ospedali covid oppure tenerlo in medicina. Abbiamo portatola la medicina a 40 posti letto e abbiamo utilizzato la chirurgia e lo scompenso. In questa fase – ha concluso – l’ospedale vivrà il suo rilancio”.

Anche se l’ospedale di Assisi è una realtà periferica si ci sta organizzando per accogliere anche pazienti con diverse problematiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*