De Luca M5S: “Ospedale di Assisi, Pastorelli mette il partito davanti alla sua città”

 
Chiama o scrivi in redazione


Tutti difendiamo il nostro ospedale appello dell’assessore Paggi

De Luca M5S: “Ospedale di Assisi, Pastorelli mette il partito davanti alla sua città”

“Mi sarei aspettato di trovare il consigliere Pastorelli al mio fianco per difendere Assisi, invece vedo che preferisce stare dall’altra parte della barricata. Anziché pretendere rispetto per la sua città, il consigliere Pastorelli pensa a fare l’avvocato difensore dell’assessore Coletto”. È quanto dichiara il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca.

“Lo stesso assessore Coletto – spiega De Luca – ha sconfessato di fatto l’atto votato all’unanimità in Assemblea legislativa lo scorso 11 maggio per il potenziamento dell’ospedale di Assisi. È stato l’assessore Coletto a dire che i medici non si trovano, che la riapertura del punto nascita non dipende da loro, che la mancanza di personale è una questione endemica, e a non dare risposte sull’adeguamento sismico della struttura. A rappresentare il grande vuoto e la mancanza di prospettive sul nosocomio della Città Serafica”.

“Mi dispiace molto – prosegue De Luca – per l’atteggiamento del consigliere Pastorelli e mi sento sinceramente amareggiato. Ma questa è la conseguenza quando nell’ambito del proprio mandato istituzionale si confonde il preminente interesse dei cittadini con l’interesse di partito, senza la libertà di poter esprimere dissenso quando c’è da difendere la propria comunità”.

“Il consigliere Pastorelli – conclude De Luca – può stare sereno, qualunque sia il futuro politico del sottoscritto e del Movimento 5 Stelle. Quel che è certo è che fino al termine del mandato che gli elettori mi hanno conferito mi troverà sempre qui a difendere gli interessi dei cittadini e dei territori e a denunciare le contraddizioni e le false promesse del suo partito alla guida della Regione. Mi troverà, il consigliere Pastorelli, sempre in prima linea per impedire che la Lega faccia dell’Umbria il deserto che su Assisi, ad esempio, ha già creato intorno all’aeroporto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*