Economia circolare al Santuario della Spogliazione di Assisi

 
Chiama o scrivi in redazione


Economia circolare al Santuario della Spogliazione di Assisi

Economia circolare al Santuario della Spogliazione di Assisi

da Carmine D’Argenio
Al Santuario della Spogliazione di Assisi in collaborazione con il Festival dello sviluppo sostenibile (mille occasioni di dibattimento in tutta Italia) nella prima giornata di sabato, in occasione del terzo anniversario dell’inaugurazione del Santuario della Spogliazione, dal titolo “#Nulla di proprio. Dalla casa del sé alla casa del noi“; dal momento conclusivo della tavola rotonda sull’economia circolare, Monsignor Sorrentino ribadisce lo “Spogliarsi di sé come condizione per costruirsi e per costruire.

Nel passaggio dall’io al noi – prosegue il vescovo – sorge una nuova società, una nuova cultura, persino una nuova economia. È la prospettiva del Santuario della Spogliazione: Dalla casa del sé alla casa del noi. Uno snodo necessario per uscire dalla crisi del nostro tempo”.

L’introduzione della moderatrice Francesca Di Maolo, Direttore Scuola Socio-Politica Diocesana “G. Toniolo” , va in una direzione non chiusa in se’ stessa bensì verso un’apertura che va oltre i convitati per canalizzarsi ad un’esterna economia solidale. “Proprio come Francesco ha rifondato la sua economia, quella del suo tempo e ben oltre”.

Chiosa il Vescovo, prima di passare alla ‘responsabilità‘ che il Papà stesso ha conferito alla città di Assisi per la rinascita dell’economia dei nuovi percorsi del futuro. Il Sindaco di Assisi Stefania Proietti, si dice onorata ed emozionata intimamente dall’appello papale nel fare di Assisi il primo esempio di città di nuova economia.

E si dice fiduciosa negli uomini e nelle donne di buona volontà che hanno fatto e faranno, al di la’ dei processi di passaggio istituzionali, le gesta di sensibilità solidale della città serafica. Per una rivoluzione cui Papa Francesco ha chiamato a raccolta la città della pace, in un’etica di giustizia tra le generazioni. Il cambiamento politico non lo fa l’uomo della Provvidenza.

Ma le buone pratiche da attuare sulle ricette date. Punto di mediazione tra gli astanti al tavolo Enrico Giovannini, Portavoce ASviS, e Leonardo Becchetti, Docente Economia Politica – Università di Roma Tor Vergata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*