“G. Toniolo” in Assisi, termina secondo anno scuola di formazione

Assisi, Assemblea elettiva Confcommercio nei locali della nuova sede

Si concluderà venerdì 30 maggio con il convegno “Verso un nuovo modello di sviluppo: etica ed economia civile”, alle ore 16, presso la sala conferenze dell’Istituto Serafico di Assisi, il secondo anno del ciclo di lezioni della Scuola di formazione “Giuseppe Toniolo” di Assisi. Una serie d’incontri che entrano nel merito e nel concreto della Dottrina sociale della Chiesa, rivolti a quanti vogliono impegnarsi a contribuire al “risveglio delle coscienze” e a testimoniare anche nella vita pubblica i valori cristiani.

Il convegno, promosso dalla Commissione per il Lavoro, la Pace e la Salvaguardia del Creato della Conferenza episcopale umbra (Ceu) e dalla Scuola di formazione socio-politica della Diocesi di Assisi, ha come tema l’economia civile, quell’insieme di esperienze e di teorie economiche che nascono dal primato della persona e dei principi di reciprocità e gratuità. Non si tratta di proporre un nuovo modello di economia, ma di recuperare i valori dell’economia. Abbiamo bisogno di un mercato e di un welfare che sappiano rispondere alle esigenze reali delle persone, che sappiano riappropriarsi delle relazioni. Avvertiamo forte la necessità di riannodare l’economia al suo fine: l’uomo.

Di questo parleranno, dopo l’introduzione di mons. Domenico Sorrentino, vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, e i saluti di Carlo Vinti e di Luigi Cimmino del Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione, di Andrea Fora, presidente Confcooperative Perugia, di Massimiliano Marianelli dell’Università di Perugia – coordinatore della Commissione regionale per i problemi sociali, il lavoro, la giustizia e la pace della Ceu, i relatori Francesco Russo dell’Università Santa Croce di Roma, Pierluigi Grasselli dell’Università di Perugia, Carlo Andrea Bollino dell’Università di Perugia, Ivan Luigi Vitali, imprenditore e membro della Scuola di Economia Civile. Modera l’avv. Francesca Di Maolo, presidente dell’Istituto Serafico di Assisi.

Nell’occasione, visto il tema che lega filosofia ed economia civile, verrà presentato il nuovo corso di studi in Filosofia ed Etica delle relazioni con indirizzi proprio in Filosofia ed Economia Civile. Si tratta del primo corso di laurea in Italia su Filosofia ed economia e l’Umbria viene sempre più a qualificarsi quale riferimento in tale ambito.

«Di fronte ad una società ed una politica che non è all’altezza della sua vocazione – sottolinea il vescovo mons. Domenico Sorrentino – ai cristiani, come a tutti gli uomini di buona volontà, compete reagire con uno scatto etico, preparando le condizioni di una politica rinnovata attraverso la formazione delle coscienze. Cammino per il quale disponiamo del grande aiuto della “Dottrina sociale” della Chiesa. Ho voluto che la sede di questa Scuola fosse l’Istituto Serafico, perché sono convinto che questo luogo di amore, dove la persona più debole è posta al centro dell’attenzione come una risorsa di valori e di umanità, offra il contesto ideale per riflettere sulle dimensioni di un bene comune da costruire insieme».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*