Il centro storico di Assisi diventa un ristorante all’aperto

 
Chiama o scrivi in redazione


Il centro storico di Assisi diventa un ristorante all’aperto

Un grande ristorante all’aperto nel centro storico di Assisi e Santa Maria tutti i fine settimana d’estate. Corso Mazzini , Piaggia San Pietro,  via Becchetti e via De Gasperi dalla mattina alla notte saranno riempiti di tavoli lungo le strade dove i turisti e i cittadini potranno pranzare o cenare godendo della bellezza dei luoghi.

Per l’occasione l’amministrazione, anche a fronte dell’incremento delle presenze turistiche bei fine settimana, ha deciso nei giorni festivi e prefestivi di reintrodurre la fascia di chiusura della Ztl dalle 11 alle 20, in questo arco temporale possono comunque entrare coloro che sono in possesso di un’autorizzazione in deroga (residenti, locatari, turisti diretti ad alberghi, residenti nella zona montana e nella zona espansione a levante) oltre ai mezzi di soccorso e delle forze dell’ordine. Piazza del Comune rimarrà aperta per consentire ai residenti e agli aventi diritto di poter circolare senza eccessive preclusioni.

Una misura questa per arricchire la politica attrattiva della città dando così modo ai gestori di ristoranti, bar e locali del centro storico di allestire spazi all’aperto dove accogliere i visitatori.  In Corso Mazzini e Piaggia san Pietro saranno chiusi dalle 11 alle 23, a Santa Maria degli Angeli l’amministrazione è venuta incontro alla richiesta degli esercizi commerciali e ha disposto la chiusura al traffico tutte le sere dalle 19.40 alle una, domenica e festivi dalle 8 di mattina alle una.

L’idea di adibire pezzi del centro storico a “isole pedonali temporanee” si è concretizzata già da qualche settimana, subito dopo la fine del lockdown, e sta riscuotendo notevole apprezzamento. Del resto l’amministrazione sta favorendo in tutti i modi le iniziative finalizzare alla ripartenza e alla ripresa dell’accoglienza dei turisti, auspicando sempre massima collaborazione e sinergia tra tutte le componenti della società assisana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*