La lunga notte delle chiese, anche quest’anno la diocesi partecipa

 
Chiama o scrivi in redazione


Diocesi, la diocesi organizza la giornata diocesana per il tempo del creato

La lunga notte delle chiese, anche quest’anno la diocesi partecipa

“La mistica luce della musica al Santuario della Spogliazione di Assisi per Francesco e Carlo” è il titolo delle iniziative organizzate dalla diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino che anche quest’anno aderisce all’evento “La lunga notte delle chiese” in programma venerdì 7 giugno dalle ore 21. L’iniziativa, giunta alla quarta edizione, è organizzata dall’associazione BellunoLaNotte.com con la collaborazione delle diocesi partecipanti e il patrocinio del Pontificio consiglio della Cultura.

Si tratta di una vera e propria notte bianca dei luoghi di culto in cui si fondono musica, arte, cultura, in chiave di riflessione e spiritualità che ad Assisi si svolgerà al Santuario della Spogliazione (chiesa di Santa Maria Maggiore).

La serata sarà aperta dai saluti e l’introduzione del vescovo monsignor Domenico Sorrentino. Seguirà il concerto di Carlo Forlivesi (organo) e Andreina Zatti (canto e direzione della Schola del Coro G. B. Pergolesi di Pergola), con musiche di Santa Ildegarda, Girolamo Frescobaldi, Alessandro Grandi e inni tratti dai corali di Bettona (XV secolo) ritrovati dopo secoli di oblio.

Seguirà la recita inedita di una poesia in latino musicata in onore del venerabile Carlo Acutis. Ci sarà poi l’intervento “Un ragazzo che si è lasciato illuminare da Dio” di Eraldo Marini, maestro d’arte, grafico pubblicitario, illustratore e designer che ha progettato la tomba del venerabile Carlo Acutis collocata nella navata sinistra della chiesa.

Dopo il concerto di Marco Mammoli e Michele Rosati durante il quale verranno eseguiti i brani: Vera libertà, Non io ma Dio, Emmanuel, seguirà la preghiera della luce. Quest’anno sono oltre 80 le diocesi che hanno dato la loro adesione. Un evento ecumenico a cui partecipa anche la Chiesa valdese-metodista. Moltissimi sono i  luoghi di culto coinvolti in tutta Italia ma anche in Brasile, Argentina e Romania.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*