L’appello di Giorgio Bonamente a Eugenio Guarducci trova eco in città

L’EX ASSESSORE PERO’, A NOI, HA DETTO CHE NON RIENTRERÀ, STAREMO A VEDERE

 
Chiama o scrivi in redazione


Cartellone Teatro Sacro la presentazione ad Assisi convegno studi
giorgio bonamente

L’appello di Giorgio Bonamente a Eugenio Guarducci trova eco in città

Di Lorenzo Capezzali 
ASSISI – Non si attenuano le posizioni  pubbliche sulle dimissioni  dell’assessore alla cultura e turismo del Comune di Assisi, Eugenio Guarducci, che a più riprese trova sulla sua strada  interventi pro e contro sulla sua scelta. Non mancano commenti di figure del mondo culturale e dell’economia. E’ di queste ore  l’intervento dell’ex assessore alla cultura, Professor Giorgio Bonamente, il quale attraverso una lettera fa un accorato appello perché il delegato al turismo di Assisi del Municipio Guarducci  non si dimetta.

© Protetto da Copyright DMCA

Per i tanti motivi che mi legano ad Assisi, alla sua storia e alla sua cultura, sento il dovere di esprimere il mio profondo rammarico per le dimissioni presentate dal dott. Eugenio Guarducci, in un momento di rinnovato slancio delle attività culturali della Città e della loro efficace comunicazione.

Ho avuto la possibilità di seguire da vicino la sua attività ed ho avuto anche l’opportunità, per la carica di Presidente dell’ Accademia Properziana del Subasio, di valutare il suo metodo di lavoro.

Ho così apprezzato il suo indirizzo, rivolto a mettere in rapporto di collaborazione le tante energie, i tanti istituti e associazioni presenti in Assisi, chiedendo loro in modo pressante di inserirsi in un sistema coordinato e sinergico; ho valutato positivamente la dimensione di ‘comunicazione’ che ha proposto per tutte le attività del settore a lui affidato.

Ho anche sperimentato personalmente la sua sensibilità e la sua disponibilità a prendere in considerazione iniziative culturali che mantengano vive tradizioni significative della storia della Città. Lo invito quindi pubblicamente a ripensare sulla sua decisione, mossa da ragioni che rispetto, ma forse anche da motivazioni occasionali che vanno lasciate cadere nell’interesse superiore della Città.  Con profonda stima “ chiude l’ex assessore Bonamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*