Lotta allo spaccio, ad Assisi in manette un folignate 25enne

La notte appena trascorso ha visto i Carabinieri della Compagnia di Assisi già impegnati in controlli straordinari del territorio per prevenire i fenomeni di microcriminalità riguardanti nella fattispecie furti in abitazione, in prima fila anche nella lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Questa volta a finire nelle maglie della giustizia è stato un giovane folignate: l’attività informativa dei militari dell’Arma ha permesso ai Carabinieri di risalire ad un giovane di appena venticinque anni sospettato di trasportare un cospicuo quantitativo di stupefacente a bordo dell’autovettura sulla quale viaggiava.

E’ stata necessaria una buona dose di intuito e di “fiuto” per individuare l’autovettura in questione che con andatura elevata è stata vista transitare sulla superstrada SS75 in direzione di Ospedalicchio. Sebbene gli uomini diretti dal Maggiore Marco Sivori conoscessero solamente un particolare del veicolo, all’altezza dell’area di servizio “La Cometa di Assisi” i militari hanno intimato l’alt alla Fiat Punto avente le prime lettere della targa corrispondenti al modello di autovettura da loro attenzionato.

Sono stati poi l’insofferenza e il nervosismo palesati dal giovane a tradire il “corriere” e a fare ritenere fondati i sospetti dei militari che lo hanno accompagnato presso i loro Uffici per ulteriori accertamenti.

Nel corso della perquisizione del mezzo sono stati rinvenuti circa trenta grammi di marijuana, 20 di hashish e un grammo di cocaina: un piccolo “market della droga”, come è stato definito dai militari che non si aspettavano di trovarsi di fronte a due diverse qualità di hashish e a dell’”erba” che, dalle prime indiscrezioni, risulterebbe contenere un principio attivo particolarmente elevato.

Ai suoi polsi sono scattate le manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: è prevista in questi giorni la convalida dell’arresto di fronte al Giudice Monocratico del Tribunale di Perugia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*