Merkel Assisi, Proietti, che la luce della Pace illumini il mondo

 
Chiama o scrivi in redazione


Merkel Assisi, Proietti, che la luce della Pace illumini il mondo

Merkel Assisi, Proietti, che la luce della Pace illumini il mondo ASSISI – La Città di Assisi saluta con gioia la cancelliera tedesca Angela Merkel che, insieme a Juan Manuel Santos, presidente della Repubblica della Colombia, è ospite al Sacro Convento di Assisi in questo giorno particolarmente importante non solo per la Città Serafica tutta, ma per l’Europa e la comunità internazionale.

Angela Merkel è stata invitata dalla comunità francescana del Sacro Convento – che la Città ringrazia per l’impegno instancabile a favore della Pace e del dialogo – per ricevere la “Lampada di Pace di San Francesco” perché, in modo particolare in Europa, la cancelliera tedesca «si è distinta nell’opera di conciliazione in favore della pacifica convivenza dei popoli». All’incontro la presenza di Juan Manuel Santos, presidente della Repubblica della Colombia, segna un ulteriore passo in avanti di quel processo di costruzione di pace promosso proprio dalla città di Francesco, infatti nel 2016 questo riconoscimento venne assegnato proprio qui al presidente Santos per «lo sforzo tenuto nei processi di riconciliazione con le FARC», opera che gli valse il Peace Prize Nobel nello stesso anno.

La presenza della cancelliera tedesca ad Assisi, insieme all’uomo che è riuscito a far cessare l’attività delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (detto Esercito del Popolo), vuole essere segno di discontinuità tra l’odio e la pace.

Nel corso dei secoli il pensiero occidentale si è interrogato a lungo sui legami che avvicinano la politica alla guerra e sulle modalità che consentono di «imbrigliare» la conflittualità all’interno di vincoli territoriali e d’interesse.

LEGGI ANCHE: Cancelliera tedesca riceve la lampada della pace, donata dai frati di Assisi FOTO E VIDEO

Oggi i termini di quella vecchia riflessione si ripropongono ancora una volta, ma in forma nuova rispetto al passato. La «terza guerra mondiale combattuta “a pezzi”, con crimini, massacri distruzioni», di cui ha parlato più volte Papa Francesco, segna una svolta perché sembra dissolversi il presupposto della forza fisica da parte degli Stati. Non basta più l’equilibrio diplomatico tra Stati; il «progetto di pace perpetua» del secolo XXI deve partire da un ripensamento di tutta la politica internazionale e va accompagnato da un nuovo concetto di giustizia.

Il Sindaco di Assisi Stefania Proietti, l’Amministrazione Comunale e la Città tutta, in situazioni particolari ed uniche come questa, esprimono totale adesione e sostegno all’iniziativa del Sacro Convento e della famiglia francescana conventuale che, sulle orme di San Francesco, sollecita ed anima il necessario confronto su temi politici, economici, ambientali e legati alla sicurezza dei popoli, seppur consapevole della difficile e complessa situazione di riequilibro tra le più forti potenze mondiali.

«Questo è un giorno fondamentale – afferma il Sindaco di Assisi Stefania Proietti – nel corso del quale auspichiamo che la terra umbra possa sostenere il credo umano dei potenti così da scuotere le coscienze su argomenti cruciali come la politica economica, il lavoro, l’ambiente, il futuro dei giovani. La presenza ad Assisi della Signora Merkel e del Presidente Santos, come “testimoni” della Lampada della Pace, è un passo importante a favore dei processi di costruzione di pace. La consegna della lampada della Pace ad una grande figura politica femminile, ad una donna leader della politica internazionale, è segno di grande speranza affinché la luce della Pace illumini il mondo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*