Nel nome di Francesco, Ludovico Da Casoria Santo

da Anna Voltaggio
ASSISI – I ragazzi del Serafico, accompagnati dagli operatori, si stanno preparando per la partenza verso Roma, domenica 23 novembre. Il Fondatore dell’Istituto che li cura, li aiuta a crescere e a migliorare sarà proclamato Santo da Papa Francesco. La sua Canonizzazione avviene nel corso del bicentenario della sua nascita, e p. Ludovico diventerà Santo per il riconoscimento di un miracolo strettamente legato alla disabilità: la guarigione di una neonata di nome Ida da una grave malformazione congenita al ginocchio. Lo stesso carisma e la stessa umanità di Ludovico animano oggi il Serafico, diventato Centro d’eccellenza per la riabilitazione di bambini e ragazzi con disabilità plurime, che rinnova ogni giorno i principi di amore e dedizione all’altro. «San Ludovico è stato un grande innovatore» – ricorda la Presidente del Serafico, Francesca Di Maolo – «Ha saputo vedere nei bambini disabili, non soltanto delle vite ferite, ma una risorsa per lo spirito della società. Si è impegnato per dare una possibilità di migliorare le loro vite, garantendogli cure e formazione, in un’epoca in cui i bambini disabili non avevano accesso all’istruzione. Oggi il Serafico continua l’Opera di San Ludovico, si muove verso nuove mete nella cura e nella riabilitazione dei bambini e ragazzi con disabilità gravi e gravissime. E dopo oltre 140 anni, ciò che ci muove è una straordinaria motivazione verso lo stesso obiettivo di allora: il primato della vita» IL 23 NOVEMBRE 2014 UN NUOVO SANTO PER L’UMBRIA “Quest’Opera è per me un Cantico d’amore” San Ludovico, alla Fondazione dell’Istituto Serafico di Assisi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*