Parcheggiatori abusivi Assisi, fermato lo straniero dai numerosi alias

Parcheggiatori abusivi Assisi, fermato lo straniero dai numerosi alias

Parcheggiatori abusivi Assisi, fermato lo straniero dai numerosi alias

Continuano numerosi i servizi perlustrativi  effettuati dei militari della Compagnia di Assisi, con la precipua finalità di prevenire i reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti. Nel fine settimana le pattuglie, in collaborazione con la polizia locale hanno effettuato controlli più incisivi anche per contrastare il fenomeno dei “parcheggiatori abusivi”, soprattutto nei pressi delle basiliche.

Uno degli stranieri dediti a tale attività ha dichiarato di non possedere documenti, motivo per cui i Carabinieri hanno effettuato tutti gli accertamenti utili alla sua identificazione, da cui è emerso che l’uomo, oltre ad avere numerosi alias, era altresì gravato da un’ordinanza di custodia cautelare dell’Autorità Giudiziaria di Firenze per il reato di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, del tipo eroina e marijuana. L’uomo, straniero di nazionalità nigeriana richiedente asilo, è stato pertanto tratto in arresto e accompagnato al carcere di Capanne.

A Santa Maria degli Angeli, per altri tre parcheggiatori abusivi, provenienti dalla stessa area geografica è scattata la denuncia in stato di libertà per rifiuto di esibire documenti di riconoscimento (art. 6 Co 3 D.Lvo 286/1998) e recidiva nell’esercizio di parcheggiatore abusivo (art. 7 C.15 bis Codice della strada).

Così come modificato dall’art.21-sexies D.L. 113/2018 (Decreto Sicurezza) convertito in legge 132/2018 i tre erano infatti già stati sanzionati con provvedimento definitivo per attività non autorizzata di parcheggiatore.

I controlli di numerosi veicoli, effettuati in tutto il territorio di competenza hanno portato anche a una denuncia per rifiuto di sottoporsi all’accertamento.

 

1 Commento

  1. Tanto non gli fanno nulla le eventuali contravvenzioni non le pagano essendo nullatenenti quindi solo momentaneamente ci salviamo da questi soggetti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*