Politica nazionale ed internazionale per Assisi per favorire il turismo di qualità

Di Lorenzo Capezzali
Politica nazionale ed internazionale per Assisi per favorire il turismo di qualità ASSISI – Assisi rimane punto centrale delle relazioni nazionali ed internazionali appellabili ad una intuizione dell’allora sindaco Gianfranco Costa ripagandolo di una scelta politico-istituzionale e d’idee di notevole spessore per la città di Francesco e Chiara. Una pagina della storia del colle imprescindibile, che mette alla prova residenti e quanti arrivano ad Assisi da ogni parte del mondo tra situazioni logistiche e di accoglienza di non poco conto per una toponomastica normale come quella del territorio.

Un quadro di realtà complessive che la città è chiamata a rispondere per non perdere perso e qualità del flusso turistico e delle ragioni di stato di attività culturali e convegnistiche provenienti da ogni dove. Già il sindaco Costa prese posizione nella trasformazione dell’accoglienza e di quanto potesse essere favorevole ad ogni necessità contigua.

Oggi c’è da lavorare per ottimizzare siti storici principali e quanto di migliore ci possa essere nelle promozioni pacifiste, umanista e di spiritualità della citta’ con il Sacro Convento francescano che si promuove sempre di più nel sostenere promozioni ed eventi di responsabilità di pensiero di scottante attualità.

Sul tappeto la fanno da padrone problematiche come la sistemazione della mobilità nel centro e a S.M.Angeli che l’attuale giunta del sindaco Proietti starebbe approntando. Insomma una sensibile dose di attenzioni e sollecitazioni che partono da lontano e che oggi sono al centro di una visione progettuale di tutti.

 

3 Commenti

  1. Tralascio gli errori di sintassi ed ortografici. Ma porca miseria, chi scrive si rende conto che risulta incomprensibile? Sembrano supercazzole! Poi la perla è il titolo: si parla di politica nazionale ed internazionale poi leggi l’articolo e non c’è scritto niente di tutto ciò. Magari ci sono stati dei tagli ma messa così sembra una barzelletta neanche divertente.

  2. Concordo ma perché prima di pubblicare non leggete? E non mi si risponda che il Direttore non fa il correttore di bozze, se fa il Direttore ha la responsabilità di ciò che viene pubblicato….anche di questo articolo criptico ed incomprensibile. Il periodo é mal costruito sempre, in ogni elaborato del Capezzali, o forse sono io che non lo comprendo…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*