Proteste per mercato di Assisi, Freddii: “Non avevo dubbi”

(assisioggi.it) ASSISI – Non avevo dubbi che anche la nuova collocazione del mercato settimanale assisano in Borgo Aretino avrebbe suscitato le proteste dei cittadini che in quella via vi abitano o vi lavorano. È oramai nota a tutti la difficoltà in Assisi (come altrove) di avere un consenso unanime e, come per i cosiddetti “varchi”, qualsiasi soluzione venga individuata e sperimentata avrà sia estimatori che detrattori e per gli amanti della demagogia sarà comunque facile ottenere adesioni da una parte o dall’altra. È proprio con questa consapevolezza che mi permetto di avanzare una proposta, non prima però di aver puntualizzato due aspetti che ritengo fondamentali. Il primo è che il mercato, rappresentando un appuntamento costante con la tradizione ed il folklore, può e deve avere come obiettivo primario la rivitalizzazione del centro storico.

Il secondo è che per proporre siti alternativi a quello individuato è indispensabile una raccolta dati che determini con precisione il numero e il luogo di provenienza degli acquirenti, la periodicità con cui frequentano il mercato, i pregi e i difetti che rilevano, la tipologia della merce esposta e di quella più venduta, etc. Ciò premesso vengo alla mia idea che ho espresso sia in Consiglio Comunale che nei vari incontri con i colleghi della maggioranza: prevedere nella nostra città un mercato itinerante.

Un mercato cioè che cambi ubicazione ogni settimana tra le tre o quattro location adatte allo scopo presenti in Assisi. Questa soluzione consentirebbe di dividere equamente sia i vantaggi sia le criticità per i cittadini e per le attività, garantirebbe l’auspicato equilibrio delle presenze tra le varie parti della città e sono certo sarebbe soddisfacente, sotto l’aspetto economico, anche per gli ambulanti. Rino Freddii Capogruppo Per Assisi Popolare Consiglio Comunale Assisi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*