Regionali 2015, Claudio Ricci con il minibus lungo la E45 per dire No al pedaggio per tutti

Oggi, con il minibus Ricci Presidente dell’Umbria, abbiamo percorso il quadro stradale della E45 nel tratto Orte-Terni-Perugia-Città di Castello, per sottolineare esattamente la nostra posizione e cioè che siamo contrari ad ogni forma di pedaggio oltre che per i residenti, per il mondo dell’economia, degli autotrasportatori e per i turisti! Noi vogliamo nessun pedaggio per tutti!

Come abbiamo evidenziato non è tecnicamente trasformabile in autostrada in quanto vicino alla E45 sono nati nel corso di questi decenni, zone abitative, artigianali, industriali servizi, luoghi turistici, diventando quindi una strada utilizzata per la mobilità interna dalle persone e dal mondo produttivo.

Cosi facendo si andrebbero a chiudere molte uscite e molti ingressi bloccando questa mobilità interna e anzi costringendola a viabilità alternative che probabilmente non avrebbero la capacità di trasporto per gestire questi nuovi flussi, senza considerare l’impatto ambientale, inaccoglibile per il paesaggio storico urbano della nostra regione.

Qui c’è il problema di un’economia e di un turismo deboli! Serve una politica a sostegno della riqualificazione, ma senza il pedaggio che contribuisce solo ad emarginare ulteriormente la nostra regione!

Oltre a questo, noi vogliamo la stazione ferroviaria ad alta velocità in Umbria e non in Toscana e la vogliamo vicino all’aeroporto internazionale dell’Umbria; vogliamo che la Sase la società di gestione, possa essere privatizzata almeno per una parte, affinché si possa assicurare il collegamento ogni giorno con almeno due scali europei a carattere internazionale.

Questa è la strategia che determinerà uno sviluppo reale della nostra regione ridando finalmente speranza a tutti gli umbri!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*