Restaura la Madonnina di via Ospedale delle Pareti a San Pietro Campagna

 
Chiama o scrivi in redazione


Restaura la Madonnina di via Ospedale delle Pareti a San Pietro Campagna

A proposito delle Edicole danneggiate qualche tempo fa. La Madonnina di via Ospedale delle Pareti a S. Pietro Campagna, sul terreno di Feliciano Elisei, è stata restaurata. Il bravo autore materiale del restauro è stato Massimo Cuppoloni di Bastia Umbra, che appare in una delle foto, persona amante di questi lavori e ricca di estro artistico. Egli ha verniciato l’interno dell’Edicola ornandola con delle stelle dorate e ha riparato la grata vetrata che protegge la Madonnina.

Lo stesso Massimo curerà a breve il restauro anche della Maestà sotto San Damiano, in via Francesca; infatti, sono stati presi accordi con il proprietario del terreno su cui sorge l’opera, Mastrangelo Federico, che ha dato la sua disponibilità affinché venga cambiato il vetro rotto e venga abbellita l’edicola con pitture fresche e la cancellazione di molti scarabocchi di inchiostro che ne hanno deturpata nel tempo la facciata e le lapidi commemorative ad opera di persone affette da disturbi d’identità e mania di protagonismo.

Il restauro della Maestà in via Francesca sarà impreziosito dalla messa in posa dell’immagine di una bellissima Madonna realizzata con la tecnica di “punto francescano” ad opera della devota di Rivotorto Maria Ferroni.

Il restauro di questi luoghi di culto, semplici e dal profondo significato social-popolare, è uno dei pochi momenti oggi nei quali qualsiasi uomo può ritrovare se stesso nel contatto intimo con i sentimenti e i valori più veri che danno significato e futuro all’esistenza.

Davanti alla Madonnina tutti indistintamente abbiamo l’occasione di recuperare ciò che di più profondo in noi ci identifica come esseri umani. San Francesco approverebbe!!!

Mauro Loreti

2 Commenti

  1. ottimo, indipendentemente dal credo religioso, sono testimonianze che vanno mantenute …per fortuna si adoperano i privati…latitanza assoluta delle istituzioni…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*