Rette mense scolastiche, possibile pagare anche oltre il 15 aprile

 
Chiama o scrivi in redazione


Scuole un lavoro enorme in poco tempo per arrivare al 14 settembre
Simone Pettirossi

Rette mense scolastiche, possibile pagare anche oltre il 15 aprile

In questo periodo molto particolare per l’emergenza coronavirus l’amministrazione comunale adotta un’altra misura per manifestare la vicinanza concreta alle famiglie e agli studenti. Lo annuncia l’assessore alle Politiche scolastiche e all’Innovazione digitale Simone Pettirossi.

Nello specifico, per quanto riguarda il servizio mensa, si evidenzia che il bollettino spedito in automatico alle famiglie, con scadenza 15 aprile 2020, riguarda i pasti già consumati nel periodo che va da novembre 2019 a febbraio 2020.

“In ogni caso – comunica l’assessore Pettirossi –  il pagamento potrà essere effettuato anche successivamente a tale data e in quel caso non sarà applicato alcun addebito di interessi di mora. Inoltre, rassicuriamo sul fatto che, ovviamente, non si dovrà pagare nulla per i pasti che non saranno fruiti nei mesi di chiusura della scuola”.

L’assessore Pettirossi coglie l’occasione “per ringraziare tutti i dirigenti scolastici, i professori, le famiglie, che in questo periodo hanno fatto e continuano a fare un grandissimo sforzo per attivare modalità di didattica a distanza e per permettere alle studentesse e agli studenti rimasti a casa di seguire lezioni e fare compiti online.

Questo aspetto, nonostante la forzatura derivante dall’emergenza, sarà sicuramente un’opportunità molto importante per far testare concretamente le potenzialità del digitale e diffondere in modo capillare l’uso di piattaforme evolute  (molte delle quali gratuite) per svolgere formazione online”.

Per qualsiasi dubbio, informazione, richiesta è possibile scrivere via mail o tramite i social o il sito istituzionale del Comune di Assisi. Questi i riferimenti:

Giunta comunale

http://www.comune.assisi.pg.it/amministrazione/giunta/

Uffici

http://www.comune.assisi.pg.it/uffici/

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*