Scuola Media: un nuovo Openday al convitto

 
Chiama o scrivi in redazione


Olimpiadi, non si fermano i successi del Convitto Nazionale di Assisi

Dopo il bel risultato della prima giornata aperta che si è svolta il 12 e 13 dicembre 2014, la scuola secondaria statale di I grado che si trova all’interno del Convitto si apre nuovamente per essere visitata dai futuri studenti il 31 gennaio 2015 dalle ore 16 alle ore 18.

© Protetto da Copyright DMCA

Svoltosi in due giornate, l’openday di dicembre si è aperto con il concerto, nella Chiesa di Santa Caterina in piazza Matteotti, dei ragazzi della scuola secondaria di I grado, diretti dalla professoressa Valentina Bettelli.

I ragazzi si sono esibiti in canti polifonici, spiritual e tradizionali. Nel pomeriggio del 13 dicembre, poi, docenti e alunni hanno accolto le famiglie in visita mostrando loro le aule e la biblioteca (a disposizione dei ragazzi, con oltre 2000 libri per il prestito), la palestra e le aree verdi esterne, dove è possibile svolgere attività all’aperto, e i laboratori, dove sono stati eseguiti alcuni esperimenti.

Ad esclusione del concerto, l’openday del 31 gennaio 2015 ricalcherà lo stesso programma. Dalle ore 16 alle ore 18, docenti e alunni accoglieranno le famiglie e le condurranno a visitare gli spazi che, all’interno del Convitto Nazionale, sono a disposizione della scuola secondaria statale di I grado.

A quanti parteciperanno, verrà inoltre illustrato uno dei punti di forza delle scuole annesse al Convitto Nazionale: negli stessi spazi della scuola del mattino, dal termine delle lezioni fino alle 17,30, i ragazzi possono frequentare (scegliendo la formula più adatta alle proprie esigenze) il semiconvitto, che garantisce, a fronte del pagamento di una piccola retta mensile, la mensa e lo studio assistito con personale educativo (in possesso di abilitazione), oltre a corsi gratuiti di basket e di inglese con insegnanti madrelingua. Un servizio qualificato che nessun’altra scuola pubblica del territorio, non solo del comune di Assisi, è in grado di garantire.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*