Sorvegliato speciale evade dal domicilio ma viene beccato, portato in carcere

 
Chiama o scrivi in redazione


Sorvegliato speciale evade dal domicilio ma viene beccato, portato in carcere

Sorvegliato speciale evade dal domicilio ma viene beccato, portato in carcere

Un ragazzo con l’obbligo di soggiorno nel comune di Bastia Umbra è stato fermato dai Carabinieri di Assisi. L’operazione rientra nell’ambito dei controlli per prevenire i reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti.

Gli uomini dell’Aliquota Radiomobile hanno notato il giovane all’interno di un parcheggio nei pressi della basilica di Santa Maria degli Angeli, aggirarsi tra i mezzi in sosta con fare sospetto. I militari lo hanno arrestato accompagnandolo ai domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell’udienza di convalida e del successivo rito per direttissima, come previsto dalle norme vigenti.

Ma al successivo controllo il ragazzo risultava essersi allontanato dall’abitazione senza alcuna autorizzazione. I Carabinieri hanno allora attivato mirate ricerche, in luoghi abitualmente frequentati dall’uomo, anche per procacciarsi lo stupefacente. Dopo qualche ora il ragazzo è stato rintracciato in condizioni di palese alterazione psico-fisica ed in possesso di una siringa da insulina, mentre tentava di nascondersi in una rimessa nei pressi della sua abitazione. Per lui è scattato nuovamente l’arresto, questa volta per evasione. L’uomo, straniero con precedenti specifici per reati contro il patrimonio, è stato condotto al carcere di Capanne.

I Carabinieri di Santa Maria degli Angeli hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione e contestuale sospensione, nei confronti di un cinquantenne italiano, condannato a tre anni di reclusione per aver commesso i reati di lesioni personali, maltrattamenti in famiglia e furto in abitazione nell’anno 2018 nel folignate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*