Trenta insegnanti di bambini ciechi al corso di Formazione di Irifor

Favorire l’inclusione scolastica degli alunni con minorazione visiva, fornendo agli insegnanti le conoscenze tecniche e metodologiche necessarie per promuovere il corretto percorso educativo. Sono queste le finalità del corso di formazione tiflologica ‘L’alunno non vedente e ipovedente nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria’ rivolto a insegnanti curriculari e di sostegno e a operatori scolastici e domiciliari di alunni con deficit visivo.

Un progetto promosso e realizzato dall’Istituto per la ricerca e la formazione e la riabilitazione (Irifor) Umbria, in collaborazione con il Centro di consulenza tiflodidattica (Cct) di Assisi e il sostegno economico dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia.

Il corso, che prenderà il via mercoledì 1 ottobre, è stato presentato giovedì 25 settembre, a Perugia da Emilio Vantaggi, presidente di Irifor Umbria, e Francesca Piccardi, responsabile del Cct di Assisi. Presente alla conferenza anche Francesca Brunelli dell’area progetti sull’educazione della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia.

“Gli alunni con deficit visivo – ha spiegato Vantaggi – necessitano di un intervento educativo precoce e competente, di una didattica differenziata che tenga conto delle condizioni specifiche degli alunni stessi, pur proponendosi il raggiungimento di obiettivi comuni a tutti gli studenti.

Tutte le figure educative coinvolte nel processo di apprendimento devono possedere specifiche conoscenze: tipologia del deficit visivo, fattori di rischio per lo sviluppo, modalità della percezione della realtà e strumenti tiflodidattici per lo studio delle diverse discipline”.

Il percorso formativo avrà una durata di 120 ore di cui 60 dedicate a lezioni teoriche e 60 a laboratori di informatica, Braille, matematica, costruzione di libri tattili illustrati, modellatura e disegno in rilievo. “Spesso gli insegnanti – ha affermato Piccardi – non hanno una formazione specifica in merito alla minorazione visiva. Assistiamo inoltre a un progressivo ridimensionamento delle risorse economiche pubbliche destinate al mondo dell’istruzione e chi più ne risente sono proprio gli studenti con handicap che vedono tagliati i fondi destinati a insegnanti di sostegno e materiale specifico.

È dal 2008 che nella provincia di Perugia non si organizza un corso così ben fatto”. Il progetto coinvolgerà, due volte a settimana per cinque mesi, trenta insegnanti di tutto il territorio regionale, seguiti da quattro tiflopedagogisti, una psicologa ed arte terapeuta, un’istruttrice di orientamento e mobilità e autonomia personale, una neuropsichiatra infantile, un oculista, un ortottista, un tutor e un coordinatore.

“L’obiettivo – ha detto Piccardi – è fare in modo che il bambino riesca a lavorare in piena autonomia. Per fare questo è però necessario una continuità nell’insegnamento e un pieno coinvolgimento dello studente nelle dinamiche scolastiche. È perciò fondamentale che al corso partecipino anche insegnanti curriculari”.

“Ringraziamo la Fondazione Cassa di risparmio di Perugia per il suo supporto – ha aggiunto Vantaggi –. Senza simili iniziative, che sono comunque, per forza di cose, temporanee, sarebbe compromesso il percorso formativo del bambino”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*