Uscita scomposta della Lega Salviniana ad Assisi-Bastia, risposta a Pastorelli

Uscita scomposta della Lega Salviniana ad Assisi-Bastia
cgil

Uscita scomposta della Lega Salviniana ad Assisi-Bastia, risposta a Pastorelli

Il coordinatore della Lega per il Comprensorio di Assisi-Bastia Stefano Pastorelli lamenta che negli uffici e sedi della CGIL verrebbero distribuite riviste “alquanto” antidemocratiche. E addirittura, avrebbe trovato nelle nostre sedi riviste “di sinistra e politicamente scorrette”. Vorremmo tranquillizzare lo “scandalizzato” Pastorelli, nelle nostre sedi avrà trovato Rassegna Sindacale e Libertà (la rivista dello SPI-CGIL). La prima (Rassegna Sindacale) è stata fondata da Giuseppe Di Vittorio, storico dirigente e segretario generale della CGIL, che è stato uno dei padri costitutenti, di quella Costituzione democratica e antifascista ai cui valori siamo solidamente ancorati.

Nelle nostre fedeltà a quei valori noi ci richiamiamo e quei valori ci impegniamo a diffondere, contro ogni forma di razzismo, di xenofobia e di fascismi e intolleranza. Quindi di “alquanto” c’è solo l’approssimazione dozzinale delle affermazioni apodittiche del Pastorelli. Noi come CGIL nella nostra autonomia di sindacato confederale, continueremo a percorrere la strada della solidarietà e dei diritti del mondo del lavoro, rafforzati dalla grande manifestazione nazionale del 9 febbraio e dalla fiducia e consenso di tanti lavoratori, pensionati e giovani.

da FILIPPO CIAVAGLIA-segretario gen.CGIL Camera del Lavoro Perugia e MARIO BRAVI-resp.territorio CGIL Assisi/Bastia/Foligno/Spoleto/Valnerina

 

1 Commento

  1. Il sindacato italiano continua a registrare un calo del consenso. In soli due anni, le principali organizzazioni sindacali hanno perso complessivamente circa 450 mila iscritti. Una contrazione che poteva manifestarsi in forma ancora più allarmante se non fosse per la Uil che ha fatto registrare, al contrario, un incremento, seppur non particolarmente rilevante. I numeri non lasciano spazio a dubbi: dal 2015 al 2017, i tesserati hanno subito una contrazione di 447 mila persone, di cui ben 293 mila residenti nelle realtà regionali del Mezzogiorno. E’ quanto emerge dall’Indice di appeal sindacale (Ias) ideato dall’Istituto Demoskopika che, analizzando il periodo 2015-2017, ha tracciato una classifica delle regioni in relazione all’attrattività delle principali organizzazioni dei lavoratori sul territorio. Due gli indicatori utilizzati: gli iscritti ai sindacati di Cgil, Cisl, Uil e le persone di 14 anni e più che hanno svolto attività gratuita per un sindacato. È la Cgil a registrare il maggiore decremento con un calo di ben 285 mila iscritti, seguita dalla Cisl con meno 188 mila tesserati. Per la Uil, andamento in controtendenza: circa 26 mila iscritti in più nell’arco temporale osservato.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*