Vescovi, Umbria popolare, ai cittadini la possibilità di scegliere

Da Annibale Vescovi
Coordinatore Per l’ Umbria Popolare
ASSISI – La proposta di introdurre le Primarie Istituzionali, fatta dal Sindaco Claudio Ricci, nasce dalla volontà oramai ineludibile di ridare ai cittadini la possibilità di scegliere, in un momento in cui le attuali leggi elettorali affidano a ristrette cerchie di nomenclature la selezione della classe dirigente. Riteniamo che tale proposta possa divenire il primo importante punto di aggregazione di tutti i soggetti politici e civici che lavorano per  costruire una grande  coalizione del cambiamento.

Le attuali proposte di legge elettorale regionale rischiano ancora una volta di acuire il  distacco fra cittadini ed istituzioni, riducendo la capacità di rappresenza  attraverso ipotesi ed alchimie politiche che gli elettori non possono più accettare.

Per tali ragioni il movimento Per L’Umbria Popolare lancia sulla base di tale innovativa proposta un’appello a tulle le forze del cambiamento presenti dentro e fuori le Istituzioni, rivolgendosi in particolare a chi oggi può attraverso il proprio impegno diretto contribuire alla determinazione di una legge in grado di far decidere i cittadini dal basso, senza trucchi ed infingimenti. Tale consapevole e credibile apertura vuole essere il punto di partenza per una riflessione più ampia che veda nella condivisione delle regole la possibilità di un confronto ampio e pragmatico  fra tutti coloro che credono nella possibilità di un’alternanza di governo anche nella nostra regione.

Siamo convinti che le forze politiche che sino ad oggi hanno tentato legittimamente di offrire un confronto sul tema delle primarie, considerando tale strumento un elemento fondante della propria azione politica, non potranno che accogliere positivamente questa migliorativa variante della propria proposta, portandola all’attenzione dei propri rappresentanti istituzionali regionali con l’obiettivo di farla divenire legge elettorale regionale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*