Opposizione costituzione Zona ripopolamento e cattura (Zrc) Parco Subasio

Chiediamo se l'amministrazione comunale fossero a conoscenza dell'iniziativa 

Piano controllo contenimento cinghiali, prorogato a 31 marzo 2023
allevamento cinghiali

Opposizione costituzione Zona ripopolamento e cattura (Zrc) Parco Subasio

Interpellanza urgente di Mignani e Pastorelli (Lega Assisi) e degli altri gruppi di opposizione sulla costituzione di una Zona di ripopolamento e cattura (Zrc) all’interno della perimetrazione del Parco del Monte Subasio

Interpellanza urgente dei consiglieri del Gruppo Lega Francesco Mignani e Jacopo Pastorelli unitamente agli altri gruppi di opposizione sulla costituzione di una Zona di ripopolamento e cattura (Zrc) all’interno della perimetrazione del Parco del Monte Subasio, sulla gestione dei cinghiali, i pericoli per la circolazione e il risarcimento dei danni per gli imprenditori agricoli.

“Presso gli uffici della Regione Umbria – spiegano i consiglieri – è stata presentata, per l’approvazione, una proposta di istituzione di una Zona ripopolamento e cattura denominata “La valle dei monasteri”, con una porzione rilevante che ricade all’interno del Parco del fino a lambire le mura cittadine. Abbiamo inoltre avuto notizie dalla stampa di una pericolosa presenza di cinghiali intorno alla città di Assisi, in particolare nei pressi del percorso della ex SS 147, dove sono già avvenuti spiacevoli incidenti e quasi quotidiani risultano gli avvistamenti e le segnalazioni dei cittadini impauriti ed arrabbiati. Risultano inoltre danni rilevanti alle produzioni agricole.

Chiediamo se l’amministrazione comunale fosse a conoscenza dell’iniziativa

Chiediamo pertanto a sindaco e giunta comunale: di sapere se l’amministrazione comunale fosse a conoscenza dell’iniziativa sulla istituzione della Zrc; se in merito vi siano atti autorizzativi o richieste avanzate e se il piano dell’area naturale protetta del Parco del Monte Subasio preveda la possibilità di catturare al suo interno specie di selvaggina nobile stanziale e di svolgere tutte le altre pratiche gestionali ordinarie in tutte le Zone di Ripopolamento e Cattura, quali

  • l’abbattimento di suidi come i cinghiali,
  • canidi come le volpi,
  • corvidi ed altre specie animali

di conoscere altresì quali sono le iniziative che l’amministrazione comunale intende intraprendere a tutela della pubblica incolumità, anche in qualità di rappresentante dell’Ente capofila dell’organo gestionale responsabile della gestione faunistica, al fine di rimuovere la pericolosa presenza di cinghiali nei pressi della città di Assisi; di sapere inoltre, relativamente ai danni arrecati alle produzioni agricole, a chi devono rivolgersi, tra Ente Parco e Regione Umbria, gli imprenditori agricoli per richiedere il risarcimento dei danni patiti; nel caso in cui l’onere spettasse all’Ente Parco, in che misura gli altri Comuni dovrebbero contribuire “pro quota”, considerando che all’interno degli stessi insiste pochissimo territorio del Parco, per lo più boschivo, pertanto con forte probabilità che i danni siano risarciti quasi esclusivamente dal Comune di Assisi; di conoscere infine, nell’ipotesi di ulteriori sinistri stradali con animali selvatici, i quali comportino gravi conseguenze alle persone oltre che ai mezzi di trasporto, su chi ricadrebbe ogni tipo e forma di responsabilità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*