Il Teatro dell’Orsa apre la prima edizione di Birba chi legge, il Festival della narrazione di Assisi

Il Teatro dell’Orsa apre la prima edizione di Birba chi legge, il Festival della narrazione di Assisi La Compagnia reggiana guidata da Monica Morini e Bernardino Bonzani sarà protagonista di uno spettacolo e di occasioni di racconto in piazza per bambini e adulti. Un Festival della narrazione per bambini e ragazzi: si presenta con questa caratteristica Birba chi legge – Assisi fa storie, manifestazione alla sua prima edizione che riempirà tanti luoghi della città di spettacoli, laboratori (in italiano e in inglese), letture animate e itineranti, giochi all’aria aperta, storie sotto le stelle e dentro la tenda, su due ruote e seduti in cerchio. Eventi, incontri e mostre per fare tutti insieme – bambini, ragazzi ma anche adulti – “Un passo avanti!” nella fantasia dal 24 al 27 maggio 2018.

Per festeggiare questo nuovo, beneaugurante inizio il Teatro dell’Orsa sarà ad Assisi giovedì 24 maggio con il fortunato spettacolo A Ritrovar le Storie e l’evento di gioco e narrazione La piazza dei racconti: «Siamo orgogliosi di prendere parte all’utopia di questo Festival che nasce dallo slancio di persone che credono profondamente nel valore della lettura e della narrazione. Saremo nella Piazza di Assisi a raccogliere memorie, a tendere l’orecchio a intrecciare fili di vita che ci ricordano chi siamo, grandi e piccoli insieme perché le storie sono per tutti».

LEGGI ANCHE: BiRBA chi legge, prima edizione del festival di narrazione per bambini e ragazzi

A Ritrovar le Storie, interpretato da Monica Morini, Bernardino Bonzani e Franco Tanzi, sarà in scena al Teatro Metastasio per ben tre volte: alle ore 9.30, alle ore 11 e alle ore 21: «C’è un paese a Tarot dove gli uomini hanno perso le parole. Ma un giorno da lontano arriva un saltimbanco con un carretto bislacco e sulla piazza tornano a fiorire le storie. Schegge di memoria chiamano racconti divertenti e commoventi, le parole fanno vivere sulla scena animali, alberi, santi, briganti e anche un’antica comare che custodisce il segreto della vita». Aggiungono gli artisti: «In un paese che ha perduto le parole, dove le persone non si incontrano e non si parlano, bastano termini semplici come bicicletta, albero o animali per ricominciare ad accendere brevi storie. La gente esce dalle case per rivivere la piazza come spazio di tutti. Parole e racconti si alimentano a vicenda, chiamano domande. I racconti svelano l’invisibile in un mondo opaco e le parole attraversano i confini, si allungano e corrono tra vecchi e bambini, opposte estremità della vita. La storia del paese di Tarot ci riguarda, chiama a costruire comunità, alla condivisione con l’altro». A Ritrovar le Storie, progetto speciale selezionato al Festival I Teatri del Sacro 2015 e ospite, nello stesso anno, del Festival Internazionale di Narrazione di Arzo (in Svizzera) e del FestivalFilosofia di Modena Carpi Sassuolo, è ispirato all’omonimo libro di Annamaria Gozzi, Monica Morini e Daniela Iride Murgia (Edizioni Corsare), opera finalista al prestigiosissimo Premio Andersen 2015. «Siamo felici che il libro A Ritrovar le Storie dopo essere stato tradotto in Francia sia esaurito» commenta l’autrice «ed ora la nuova ristampa ritorna in libreria per incontrare nuovi lettori».

«Nella piazza ci si ritrova, si gioca insieme, basta un lancio di dadi per iniziare un percorso in caselle di vita, ogni parola libera nuovi racconti e fa riaffiorare ricordi. La vita srotola il suo gomitolo e scopriamo che siamo tutti collegati da uno stesso filo fatto di parole. Bicicletta, mare, amore, scarpe, scuola, marachella, felicità. Il tempo si ferma, si dilata, e forse ci racconta chi siamo»: i fondatori del Teatro dell’Orsa introducono La piazza dei racconti, evento di gioco e narrazione a ingresso libero da loro proposto insieme Annamaria Gozzi dalle ore 18 alle ore 20 nella Piazza del Comune.

Info sul Festival: http://www.birbachilegge.it/.

Info sulla Compagnia: http://www.teatrodellorsa.com/.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*