Potenziamento dell’azione amministrativa nel rispetto del progetto civico

 
Chiama o scrivi in redazione


Potenziamento dell’azione amministrativa nel rispetto del progetto civico
Giuseppe Cardinali

da Giuseppe Cardinali, capogruppo in Consiglio comunale della lista civica Assisi Domani
Potenziamento dell’azione amministrativa nel rispetto del progetto civico ASSISI – Dopo un percorso di profonda condivisione,Alberto Capitanucci e Massimo Paggi vanno a completare la Giunta Proietti, per il potenziamento dell’azione amministrativa, nel rispetto del progetto “civico”, all’insegna delle competenze e del legame con il territorio.

Alberto Capitanucci e Massimo Paggi, un ingegnere e un medico, due figure del mondo civico che hanno espresso piena condivisione del progetto amministrativo e che esprimono forte competenza per le deleghe che vanno a rappresentare, mettendo a disposizione la propria“assisanità”, il proprio “civismo” e l’entusiasmo nell’accettazione della sfida di governo.

Capitanuccideleghe dell’area urbanistica, lavori pubblici e rigenerazione ecosostenibile – e Paggideleghe dell’area sociale, sanità e terzo settore – integrano la Giunta che lo scorso 20 marzo aveva visto le dimissioni dell’architetto Eugenio Guarducci cui sono seguite ieri quelle dell’architetto Italo Rota, ai quali va un particolare ringraziamento, mio personale e del gruppo consiliare Assisi Domani.

Leggi anche: E’ ufficiale, Alberto Capitanucci e Massimo Paggi nuovi Assessori

La gioia per le nuove nomine non può, tuttavia, farmi dimenticare l’amarezza per la decisione dell’avvocato Matarangolo, al quale va un particolare ringraziamento per il suo apporto schietto e professionale, di definitivo abbandono dell’emiciclo politico comunale.

Ai neo Assessori, alla Giunta e al Sindaco Stefania Proietti auguro sentitamente “Buon Lavoro”, nella convinzione che le professionalità e il legame con il territorio della rinnovata squadra di governo costituiscano i giusti ingredienti per proseguire con forza nell’azione civica di realizzazione dell’Assisi che vogliamo!

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*