Assisi, dove è finito l’Universo? lo chiede Terzetti

 
Chiama o scrivi in redazione


Assisi, dove è finito l’Universo? lo chiede Terzetti

da Maurizio Terzetti

L’estate ad Assisi: dov’è il titolo del cartellone?

La proposta estiva che viene dal Comune di Assisi sarà bella, brutta, un successo, un fiasco? Per ora, chiaramente, la cosa non ha importanza. Gli elementi di programma per giudicare gli eventi sono davvero troppo pochi. C’è, su tutto, un titolo – “L’altra estate” – che ti fa chiedere: sì, va bene, ma il titolo vero dov’è? Con tutto il rispetto, naturalmente, per quelli di Montignoso, in provincia di Massa Carrara, dove l’anno scorso “L’altra estate” era il titolo del loro cartellone di luglio e agosto.

Solo chi finisce di costruire il cartellone di Assisi in questi giorni può dire oggi, in cuor suo, se sta facendo davvero un gran bel lavoro o se, più terra terra, copia qui e incolla là, il programma sarà il frutto di piccole operazioni di laboratorio comunale e di alleanze estemporanee con le associazioni culturali locali e perugine.

Alcune domande su “Universo”

Piuttosto, c’è una cosa, per ora, che rischia di passare troppo sotto silenzio perché qualcuno non debba porsi esplicitamente la domanda: perché “Universo” finisce così?

Mi voglio soffermare su questa domanda, che è politica e amministrativa in maniera eminente.

L’ho osteggiato dall’inizio, il festival di Guarducci, ma, oggi, trovo che sia ingeneroso non parlarne più, citarlo solo per un appuntamento agli Stazzi del quale si scriverà a cose fatte.

Questa edizione – la quarta – poteva essere davvero l’occasione per riflettere sul format di un festival che, in ogni caso, alla città serve e che non potrà mai chiamarsi “L’altra estate”.

Che cosa ha impedito di chiamare ancora “Universo” il cartellone di quest’anno: una specie si senso di colpa per i tanti denari impiegati sotto quel nome senza risultati di nessun genere?  Il bagno di umiltà al qual ci costringe il virus? La consapevolezza che ciò che si offrirà è davvero poca cosa? L’occhio strizzato alle associazioni fedeli al Comune in segno di promessa di continuità nella collaborazione dopo il rinnovo amministrativo del prossimo anno?

Chi avrà più titoli?

Prima di “Universo”, ad Assisi c’è stato il “Festival della felicità”, titolo forse un po’ ingenuo, ma pur sempre un titolo vero, col quale fare i conti.

E, il prossimo anno, i conti li faranno i promotori del modello “Universo” e i sostenitori del modello “Felicità”.

Perché, dunque, l’amministrazione in carica non ha puntato tutto sull’ideatività realmente riformata del suo “Universo” e, invece, dà l’idea di volersi disfare di un’eredità ingombrante?

Questo era l’anno per un’operazione coraggiosa di revisione del format, l’ultimo anno disponibile. Per l’estate del 2021 chi mai progetterà un cartellone all’altezza di Assisi sapendo che, semmai dovesse perdere le elezioni, lascerebbe ai nuovi amministratori un tesoretto finalmente aggraziato nel format e morigerato nelle spese, condiviso e trasversale come non se n’è mai visto ancora?

Dopo questa del 2020, per la giunta di “Universo”, davvero non c’è “altra estate” che tenga!

2 Commenti

  1. Quanto scritto da Maurizio lo condivido con entusiasmo. Io non sono un assisano nato dentro le mura della città antica ma un villico nato a Torchiagina di Assisi. Ho vissuto per oltre 40 anni il ” clima ” di Assisi e quindi mi permetto di fare qualche osservazione. Come mai Assisi che viene presentata in Italia e all’estero come grande città unica al mondo non ha e non ha mai avuto uno ” Gruppo, uno staff, un Team di Professionisti qualificati che possano progettare, programmare, indirizzare realizzare eventi impegnati per attirare più turisti possibile? Come mai ancora persistono contrapposizioni,divergenze sostanziali tra politica, imprenditoria, associazionismo ed altro ancora, che interferiscono con una sana e corretta gestione per il bene comune? E si potrebbe continuare ancora. So bene quali saranno le risposte che emergeranno suol mio pensiero. Ma sono una persona libera che , credo educatamente, ha voluto dire ciò che pensa per un miglioramento sostanziale del clima assisano. Saluti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*