Assisi, le parti in gioco, ma non è Calendimaggio

 
Chiama o scrivi in redazione


Tumore al seno, la Torre Civica di Assisi si colora di rosa

Assisi, le parti in gioco, ma non è Calendimaggio

da Giorgio Bastianini
Ad ogni elezione politica o amministrativa, corrisponde una campagna elettorale dove noi POPOLANI proviamo a dire la nostra. Poi ci sono quelli che sulla via dei voti e in odore di candidatura argomentano le malefatte, rimproverano, promettono, dimenticano che in politica c’è l’alternanza cioè prima di te c’ero io o viceversa.

Agli elettori serve un motivo per VOTARVI e tale motivo va spiegato in proposte chiare, pratiche che rispondono alle esigenze di noi cittadini. Va detto che per governare amministrare una Città bisogna fare i conti con quello che c’è.

Nell’attesa che le parti in gioco annunceranno i loro programmi, mi tornano in mente tante campagne elettorali fatte in presenza o in DAD, dove si prendeva il programma precedente, si aggiornava al periodo, si copiava un po’ a destra e un po’ a sinistra ed il programma era bello e fatto. In questi tempi tecnologici basta un click . I temi sono sempre gli stessi: governo del cittadino, ambiente, turismo, sostenibilità, urbanistica, lavori pubblici, occupazione , valorizzazione dei dipendenti, ospedale, tasse, Vigile di frazione, viabilità, a tutti questi temi aggiungerei visto che si può fare rima con alcune parole: ONESTÀ, VERITÀ.

A distanza di tanti anni (2001) da candidato in una lista civica scrivevo e volevo l’amministrazione:

* DELLA SOLIDARIETÀ con le fasce più deboli

* DEI BAMBINI, DEGLI ANZIANI, DEI DISABILI con strutture e servizi per la prima infanzia e terza età, risolvere i problemi legati alla disabilità, che riguardano l’ambiente nel quale la persona si muove, abita, lavora, trascorre il tempo libero.

* DELLE FAMIGLIE e di una “politica sociale e dei servizi”. Sostegno alle famiglie svantaggiate.

* DELLA PARTECIPAZIONE con l’inserimento delle competenze professionali nella struttura pubblica. Difendiamo la piccola e media impresa ed il lavoro artigianale.

* DELLA SICUREZZA e non dell’allarme sociale. Buona parte del territorio vive “a rischio” sotto gli assalti della crescente microcriminalità. Restituiamo qualità alla vita.   Anno 2021 da aggiungere, una volta risolta la crisi sanitaria dare una risposta alla crisi economica, alla socializzazione, alla relazione per giovani anziani e bambini. La riduzione delle tariffe Comunali (acqua, metano, nettezza Urbana).

A costo zero la nomina del CONSIGLIERE DEL TERRITORIO fatto in modo serio e reale. Questa figura importante, avvicinerà noi resistenti delle venti frazioni all’istituzione Comunale e garantirà con l’impegno mensile di resoconto sulle tante problematiche del territorio: Ordinaria manutenzione, viabilità, decoro Urbano, sporcizia, riparazioni, traffico, potature e taglio di alberi e vegetazione che coprono segnaletica stradale e luci pubbliche. Così facendo i residenti e i turisti ringrazieranno per la buona amministrazione.

Come si dice: IL TEMPO PASSA I POLITICI PURE MA I PROBLEMI E LA BUROCRAZIA RESTANO.

Bisogna pur dire dei Consiglieri eletti dal territorio, una volta arrivati in città si perdono e poco si vedono tra di noi, ritornano al momento giusto per chiedere il voto. In una chiacchierata molto cordiale con il Sindaco in carica STEFANIA PROIETTI, ricandidata con il suo progetto Civico esponendo tutte queste considerazioni fatte in piena libertà da noi cittadini, si è detta interessata e disposta con l’impegno di tutti a renderle positive per noi POPOLANI CIVICI.

Giustamente ci sono anche i grandi progetti, le grandi opere, le richieste di altri da ascoltare, ma ricordatevi della politica del cittadino della strada. Fate tesoro dell’umiltà di quel FRATE che da otto secoli ha fatto e seguita a fare grande ASSISI e il suo territorio nel mondo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*