Campetto di via Aldo Moro, FdI, ottenuto risultato importante

 
Chiama o scrivi in redazione


Campetto di via Aldo Moro, FdI, ottenuto risultato importante

“Dopo la nostra segnalazione sull’incuria e l’abbandono in cui versa il campetto di via Aldo Moro, con tanto di foto, possiamo dire di aver ottenuto un importante risultato per i giovani (non per chi scrive), ovvero l’apertura e la sistemazione degli spazi utili a riprendere un minimo di socialità e per giocare”. Lo scrive in una nota Fratelli d’Italia Assisi.

“Vista la dimestichezza che l’Amministrazione ha con supereroi e film di Hollywood – dicono i rappresentati locali di FdI -, segnaliamo un titolo che rispecchia appieno il modus operandi dell’attuale maggioranza: “The Day After”, il giorno dopo. Non solo perché il titolo evoca soluzioni sistematicamente tardive, ma anche perché il film parla di un’umanità che esce fuori da una catastrofe nucleare, che ben si addice a quello che ci aspettiamo di trovare tra i conti del Comune, una volta terminate le elezioni di ottobre. Eppure la capacità di un amministratore si valuta dalla visione d’insieme, dalla forza della squadra di collaboratori di cui è in grado di circondarsi e soprattutto dalla previsione, intesa appunto come saper vedere le cose prima che accadano. Ebbene queste capacità sicuramente non appartengono al Sindaco. Basterebbe solo aprire gli occhi sulla Piazza di Santa Maria i cui lavori sono stati effettuati proprio a ridosso delle riaperture, dopo il lockdown, con grave danno alla circolazione ma soprattutto alle attività economiche di Via Partono d’Italia, i cui disagi dureranno ancora per un mese, quello di alta stagione. Abbiamo segnalato la problematica delle plance pubblicitarie a cui nessuno dell’amministrazione si è degnato di rispondere, ormai mesi fa. Oggi – concludono – in piena campagna elettorale, questo è un caso irrisolto. Almeno, e non è poco, si è trovato un rimedio per l’area sportiva di via Moro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*