Cantiere Civico verso la definizione di un progetto politico

Cantiere Civico verso la definizione di un progetto politico

Cantiere Civico verso la definizione di un progetto politico

da Nannarella
Cantiere Civico prosegue il suo percorso per la definizione di un progetto politico che, partendo dai territori, sta provando ad unire le tante e diverse esperienze civiche umbre, con l’obiettivo di dare un importante contributo al futuro della nostra regione. Dopo la convincente iniziativa tenutasi ad Assisi nel mese di Marzo, alla quale hanno partecipato oltre duecento persone, numerosi amministratori e rappresentanti di liste civiche provenienti da tutta la Regione, a fronte dell’interessante e qualificato dibattito offerto dai relatori, i promotori hanno deciso di proseguire il percorso dando concretezza alle prossime fasi organizzative.

Una scelta, quella di accelerare i tempi, dettata non solo dalle note vicende che hanno investito la nostra regione, quanto e soprattutto dalla forte volontà espressa dai territori di dare corpo all’unica vera e credibile alternativa politica che oggi si possa mettere in campo per un futuro governo regionale.

Per tali ragioni, sabato 18 Maggio, a Santa Maria degli Angeli, referenti e delegati dei vari territori si sono incontrati per dare inizio alla definizione dell’assemblea di base del progetto.

Un organismo che rimarrà comunque aperto al contributo delle liste che, anche dopo la tornata amministrativa del 26 maggio, vorranno aderire e cui verrà affidato il compito di trasformare in proposte e programmi il grande lavoro svolto da oltre un anno. Cantiere Civico rivolge pertanto il proprio appello a tutte le liste civiche che ancora non abbiano deciso di avvicinarsi al progetto, invitandole a lavorare per un percorso che possa unire le migliori esperienze del territorio, unica via per non disperdere questo patrimonio umano e di idee favorendo i soliti partiti.
CANTIERE CIVICO

 

1 Commento

  1. E da chi è rappresentato cantiere civico? Ci risulta che ultimamente alle riunioni venivano soggetti che oggi sono impegnati a difendersi da accuse piuttosto pesanti. Non ci saranno mica i soliti noti che provano a riciclarsi sotto altre bandiere o provano a nascondersi cambiando nome?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*