Difendere Assisi una battaglia di tutti senza strumentalizzazioni politiche

 
Chiama o scrivi in redazione


Difendere Assisi una battaglia di tutti senza strumentalizzazioni politiche

Difendere Assisi una battaglia di tutti senza strumentalizzazioni politiche

“Assisi è una città che per la sua storia e la sua valenza appartiene all’umanità. Il fatto di essere stata esclusa dall’elenco delle città d’arte beneficiarie del contributo a fondo perduto è un’ingiustizia e anche un clamoroso errore politico a cui chiedo, a nome della cittadinanza e dell’importanza che Assisi riveste come centro universale della spiritualità, di rimediare nel corso della conversione in legge del decreto”.

A parlare così è il sindaco Stefania Proietti che spiega le ragioni della sua lettera inviata ai rappresentanti umbri alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica.

“Il mio appello ai parlamentari umbri, a tutti, indipendentemente dal colore politico, è stato dettato esclusivamente dall’interesse generale, non certo da un interesse di parte ed è arrivato dopo diverse interlocuzioni a Roma per segnalare la ferma contrarietà all’esclusione.

Pertanto ringrazio nell’ordine tutti coloro che hanno risposto alla mia richiesta di aiuto, ringrazio i senatori Fiammetta Modena (Forza Italia), Nadia Ginetti (Italia Viva), Emma Pavanelli (M5S), gli onorevoli Valter Verini (Pd) e Filippo Gallinella (M5S) che hanno testimoniato il rispetto istituzionale e soprattutto l’impegno a mettersi a disposizione della causa Assisi.

Ringrazio altresì tutti i parlamentari della Lega, Virginio Caparvi, Valeria Alessandrini, Luca Briziarelli, Stefano Lucidi, Riccardo Marchetti, Simone Pillon e Barbara Saltamartini, che hanno annunciato la presentazione di un emendamento.

Ringrazio infine il consigliere della Lega Stefano Pastorelli per quello che riuscirà a fare a livello regionale, sperando che sul caso Assisi pensi per una volta al bene della Città Serafica, e non ai suoi piccoli obiettivi.

Questa battaglia deve interessare tutti, al di là degli schieramenti, e non diventare bega politica di questo o quel gruppo, di questo o quel politico.

Assisi e l’Umbria hanno bisogno di buona politica, non di becere strumentalizzazioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*